\'Wallace and the Generous\': il rock irriverente del Piceno

concerto rock 1' di lettura 20/08/2009 - Il panorama musicale locale si è arricchito di una nuova band gli “ Wallace and the Generous” che si sono imposti al concorso per gruppi emergenti “ You music” con la canzone “Ilaria D’Amico” dedicata alla conduttrice e giornalista televisiva e, da quel felice debutto, si sono esibisti senza soste per tutta l’estate in locali e piazze del Piceno, dalla riviera all’entroterra.

Da settembre debutteranno anche in radio a livello interregionale dove sperano di bissare via etere il successo ottenuto nei concerti live.

Il gruppo, composto da Andrea Vecchierelli in arte ” Wallace” (vocalist), Giulio Petrucci ( chitarra), Giuseppe Forti (batteria e seconda voce) e Stefano Marini (basso), si caratterizza per un rock alternativo e testi delle canzoni molto originali che colpiscono il pubblico per una ironia pungente che trae spunto dall’attualità delle cronache quotidiane e dalla società. Il sound irriverente degli “Wallace and the Generous”, infatti, non “ risparmia” nessuno: dalla guerra del Golfo, alle generazioni Google e Facebook, fino al classico tema dell’amore in tutte le sue molteplici sfaccettature compreso il tradimento.

L’età dei componenti è varia, con diverse generazioni rappresentate ed è forse anche questa, insieme ai testi anticonformisti, la chiave di un successo “trasversale” su un pubblico ormai troppo assuefatto da un sound massificatore. Sicuramente gli “ Wallace and the Generous” faranno parlare di sé anche nei prossimi mesi che vedranno la band picena impegnata in altri appuntamenti sul territorio e che, per l’occasione, non mancheranno di sfornare nuovi pezzi all’insegna di un eclettismo musicale particolare e dissacrante che toccherà vari generi dal rock, al jazz, alla bossa-nova fino al funky.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 20-08-2009 alle 19:37 sul giornale del 20 agosto 2009 - 1198 letture

In questo articolo si parla di rock, spettacoli, concerto, san benedetto, ascoli, concerto rock, Alessandro Malpiedi





logoEV
logoEV