Mercoledì: OK la frutta a scuola

frutta 2' di lettura 28/11/2009 - Oltre 3.000 bambini e ragazzi nelle scuole primarie e secondarie di I° grado partecipano al progetto “Il mercoledì della frutta” proposto dal SIAN (Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione) ASUR ZT 13 di Ascoli Piceno.

Il progetto, realizzato con la concreta collaborazione del mondo della scuola, prevede il coinvolgimento di 125 insegnanti, per un totale di 155 classi e 12 Direzioni Scolastiche.



PERCHÉ LA FRUTTA ALL’INTERVALLO?

La frutta fresca di stagione è uno spuntino naturale: la merenda ideale da consumare a scuola, per il contenuto calorico ridotto e per il notevole contributo in acqua, vitamine, fibre e sali minerali. Inoltre, costituisce un’occasione in più per raggiungere i consumi giornalieri raccomandati di prodotti ortofrutticoli, che sono protettivi per la nostra salute a qualunque età: eat 5 a day ! La frequente abitudine a non consumare una prima colazione adeguata è solitamente compensata da una maxi-merenda di metà mattina: panini imbottiti, porzioni di pizza abbondanti e ricche di grassi e sale, merendine farcite ipercaloriche, bevande dolci ricche di zuccheri aggiunti e altri alimenti non salutari. Uno “spuntino” così abbondante impegna in maniera notevole la digestione nella seconda parte della mattinata, sottrae le energie e la concentrazione necessarie allo studio e al lavoro e riduce l’appetito per il pranzo.



COME SI REALIZZA IL PROGETTO?

Il progetto attribuisce un ruolo attivo a genitori e figli, mediante l’impegno a portare a scuola per la merenda di metà mattina un frutto di stagione o una macedonia con succo di limone in un apposito contenitore. Le famiglie saranno sensibilizzate ed informate tramite un depliant realizzato dal SIAN. Gli insegnanti, bambini e ragazzi si impegneranno a registrare i consumi della frutta su una scheda predisposta, che verrà ritirata dal SIAN alla fine dell’anno scolastico, per l’elaborazione dei dati e la realizzazione di un report che sarà restituito alle Direzioni Scolastiche.



Per favorire il consumo di frutta a scuola è stato chiesto ai Comuni di patrocinare il progetto, fornendo le risorse per offrire la frutta necessaria in modo che, anche laddove esistano eventuali disuguaglianze, ogni mercoledì, ogni bambino abbia comunque un frutto da consumare a scuola. In questo modo, la scuola diventa un ambiente favorevole per educare bambini e ragazzi al consumo consapevole. Frutta in compagnia … merenda in allegria !






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 28-11-2009 alle 17:42 sul giornale del 30 novembre 2009 - 2800 letture

In questo articolo si parla di attualità, ascoli piceno, frutta, asur 13





logoEV
logoEV