La finanziaria non fa traballare il neo direttore generale Minicuci

comune di ascoli piceno 1' di lettura 10/12/2009 - La Finanziaria, infatti, non inficia la validità del contratto siglato tra il sindaco di Ascoli, Guido Castelli, e il dr. Antonino Minicuci.

Queste le dichiarazioni del Sottosegretario Gianni Letta e del Ministro Roberto Calderoli al sindaco Guido Castelli.


Nella giornata odierna, infatti, il primo cittadino ascolano, ha partecipato con una delegazione del direttivo nazionale dell’Anci, presieduta dal sindaco di Torino, Chiamparino, e con il sindaco Gianni Alemanno, ad una serie di incontri con esponenti governativi per illustrare ai massimi livelli le preoccupazioni degli enti locali in merito ai ventilati tagli previsti nel maxi emendamento alla Finanzia. La delegazione dell’Anci si è così incontrata dapprima a palazzo Chigi con Letta e Calderoli e successivamente a Montecitorio con il presidente della Camera, Fini.


Alcune voci riportate sulla stampa locale avevano indicato, tra i tagli previsti dal maxi emendamento, anche quello della figura dei Direttori Generali, mettendo così in discussione quanto deciso dal sindaco Castelli la scorsa settimana. Ma, come si diceva, sia Letta che Calderoli hanno ribadito al sindaco Guido Castelli che nel maxi emendamento è sì prevista la soppressione della figura dei Direttori Generali ma che tale norma sarà operativa, se approvata, soltanto con la prossima elezione del Consiglio Comunale prevista per il 2014, così come i tagli al numero dei consiglieri comunali e degli assessori.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 10-12-2009 alle 16:39 sul giornale del 11 dicembre 2009 - 1349 letture

In questo articolo si parla di politica, ascoli piceno, Comune di Ascoli Piceno