Enbiter, ad Annalisa Cirone la prima borsadi studio 2010

enbiter borsa di studio 2' di lettura 12/03/2010 - L’Ente Bilaterale del Terziario (Enbiter), presieduto da Alessandro D’Isabella e costituito pariteticamente tra Confcommercio e Filcams – CGIL, Fisascat – Cisl e Uiltucs – UIL, ha consegnato la prima borsa di studio 2010 di 500 euro ad Annalisa Cirone laureatasi con 110 e lode in letteratura straniera, all’Università Sacro Cuore di Milano.

La neo dottoressa ha potuto ottenere un tale beneficio in quanto figlia di dipendente di un’impresa commerciale di Offida, regolarmente iscritta all’Enbiter Piceno. L’ Ente infatti mette a disposizione annualmente, dei lavoratori delle imprese commerciali, prestazioni servizi ed assistenze quali buoni libri, rimborso spese per occhiali da vista, premi natalità, contributi per figli diversamente abili ed appunto borse di studio, sia per neodiplomati delle scuole medie di 1° grado, che superiori e quindi per neolaureati. Ma non mancano prestazioni specifiche anche per i datori di lavoro quali in particolare l’elargizione di rimborsi spese per corsi obbligatori in materia di Sicurezza sul Lavoro e normativa Igienico Sanitaria (HACCP).



La consegna dell’assegno alla dott.ssa Cirone è avvenuta nel corso di una sobria cerimonia, svoltasi presso la sede ENBITER, situata all’interno della Confcommercio, alla presenza oltre del presidente D’Isabella, di Pietro Pizzingrilli, segretario Fisascat – Cisl, di Alessandro Pompei segretario Filcams – CGIL e di Giorgio Fiori direttore Confcommercio, tutti comunque membri del Direttivo dell’Ente. Nell’occasione D’Isabella ha evidenziato come ancora, in proporzione, siano poche le prestazioni elargite dall’Ente poiché sono ancora pochi nella province di Ascoli e Fermo a conoscere le finalità dell’Ente e ad aver formalizzato l’adesione, pur essendo questa prevista specificatamente dal Contratto Nazionale di Lavoro del Terziario, attraverso una irrisoria contribuzione dello 0,10% a carico del datore di lavoro e dell’ 0,5% a carico del lavoratore, calcolata su paga base e contingenza. Le imprese che non hanno ancora regolarizzato l’iscrizione – ha concluso D’Isabella privando così i loro lavoratori di tanti ausili, si espongono a dei rischi poiché potrebbero rispondere direttamente dei benefici eventualmente negati ai loro collaboratori”.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 12-03-2010 alle 19:13 sul giornale del 13 marzo 2010 - 1373 letture

In questo articolo si parla di attualità, confcommercio, ascoli piceno, enbiter





logoEV
logoEV