Truffa agli anziani, 76enne evita il raggiro e gli Agenti li arrestano

arresto 2' di lettura 20/10/2010 -

Quattro persone sono state tratte in arresto dagli Agenti di Ascoli Piceno perchè accusati di aver truffato e derubato diverse persone, soprattutto anziane, nelle Marche. Le indagini erano state avviate già il mese scorso quando quattro donne erano state sorprese a rubare a Fabriano in un appartamento.



Le indagini della Questura di Ascoli, in un'operazione congiunta con le squadre mobili di Ancona, Ascoli e Teramo ma anche del Commissariato di Fabriano, hanno permesso agli Agenti di arrestare tre donne ed un uomo, tutti nomadi pregiudicati.

I quattro nomadi, arrestati in flagranza di reato, sono stati rintracciati ad Ascoli grazie ad un'auto 'civetta' che ha intercettato la targa della Fiat Panda azzurra con la quale avevano, lo scorso 23 settembre, agito a Fabriano sottraendo 4 mila euro ad un anziano.

La banda è stata quindi sorpresa nel quartiere di Borgo Solestà dove i nomadi pregiudicati stavano facendo un nuovo colpo. Due donne e l'uomo sarebbero entrati in un condominio e, fingendosi incaricati dell'Ufficio postale, hanno chiesto ad un'anziana di consegnare loro il denaro che aveva in casa per un controllo.

La vittima, una 76enne del posto, non ha però creduto alla storia degli incaricati per la verifica dell'autenticità delle banconote. Così, senza destare sospetto e con grande astuzia, l'anziana ha allontanato e respinto i malviventi. Usciti dal palazzo e saliti a bordo della Fiat Panda, nella quale aspettava la terza donna, si sono allontanati dal quartiere ma i poliziotti li hanno fermati ed arrestati. Si tratta di G.D.R. di 52 anni, M.D.G. di 40 anni e D.G. di 34, tutti residenti ad Alba Adriatica (Teramo), e del 35enne E.D.G., residente a Martinsicuro (Teramo).






Questo è un articolo pubblicato il 20-10-2010 alle 00:49 sul giornale del 20 ottobre 2010 - 987 letture

In questo articolo si parla di cronaca, polizia, carabinieri, truffa, fabriano, ascoli piceno, arresto, Sudani Alice Scarpini, questura di ascoli

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/dt5