Il Festival dell’Appennino 'brilla' alla BIT di Milano

3' di lettura 17/02/2012 - Il Festival dell’Appennino, con i suoi straordinari appuntamenti tra arte, teatro, tradizioni, musica e incanto di borghi e contrade montane, è stato il vero protagonista di questa giornata vissuta all’interno dello stand della Regione Marche alla Bit di Milano.

Tanta affluenza di pubblico e curiosità per il Piceno e le sue eccellenze illustrate nel dibattito moderato dal giornalista RAI Maurizio Blasi, che ha visto la partecipazione di amministratori, giornalisti tra cui Elena Dallorso caposervizio della prestigiosa rivista Condé Nast Traveller e visitatori di tutta Italia. Presenti anche l’Assessore regionale al Turismo Serenella Moroder e gli Assessori provinciali alla Cultura Antonini e alla Formazione Professionale Petrucci, il prof. Stefano Papetti direttore della Pinocoteca di Ascoli e il dirigente del servizio Cultura e Turismo della Provincia dott. Roberto Giovannozzi.

Dopo la presentazione dell’Assemblea nazionale dei borghi più belli d’Italia, in programma a maggio nella splendida cornice di Montefiore dell’Aso, il Presidente della Provincia Piero Celani si è soffermato ad illustrare le peculiarità di Offida e Grottammare che, insieme a Montefiore, fanno parte del circuito dei centri più affascinanti del territorio. Il Presidente ha poi svelato le novità dell’edizione 2012 del Festival, un grande omaggio, con i suoi 20 appuntamenti e gli 11 comuni coinvolti, non solo alle montagne picene ma all’intero territorio. “La rassegna avrà un’ anteprima il 18 aprile a San Benedetto del Tronto - ha anticipato il Presidente Celani - per l’occasione sarà presente un testimonial d’eccezione pensiamo alla conduttrice Licia Colò o ad altri personaggi legati al mondo della natura e dei viaggi. Ciò a dimostrazione della stretta integrazione tra costa, collina e montagna come asset fondamentali e sinergici del Piceno. Sono molto soddisfatto per questa attività di promozione - aggiunge Celani - credo infatti che la cultura rappresenti veramente “il grimaldello” giusto per aprire le porte al turismo anche fuori stagione attivando circuiti virtuosi tra natura, spettacolo ed enogastronomia”.

Sulla stessa lunghezza d’onda l’Assessore Antonini “E’ motivo di orgoglio che la Regione Marche abbia voluto inserire nella sua programmazione alla Bit di Milano il Festival dell’Appennino, una rassegna giovane ma che ha saputo raccogliere un successo oltre le aspettative con i suoi 3.000 partecipanti. Una formula che unisce alla natura l’originalità di una partecipazione fisica del pubblico presente non solo come fruitore e precettore di suggestioni ma parte integrante delle escursioni e delle emozioni che racchiudono”.

Alla Bit sono presenti anche rappresentanze dell’Istituto Tecnico Commerciale Capriotti e dell’ Alberghiero Buscemi di S. Benedetto e dell’ITAS Mazzocchi di Ascoli. In particolare, gli studenti dell’Istituto Capriotti di San Benedetto e del Mazzocchi di Ascoli Piceno si stanno facendo apprezzare per l’impeccabile servizio di accoglienza all’interno dello stand della Regione Marche con l’attività di reception e di supporto nelle degustazioni di prodotti tipici locali. Attenta e proficua anche la partecipazione degli allievi dei corsi “Manager turistico” e “Marketing turistico”, guidati dalla prof.ssa Maria Pia Spurio, coordinatrice delle due attività formative promosse dalla Provincia e dalla dott.sa Fiorenza Pizi direttrice del Centro Locale di Formazione di Via Cagliari.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 17-02-2012 alle 23:37 sul giornale del 18 febbraio 2012 - 1188 letture

In questo articolo si parla di attualità, ascoli piceno, provincia di ascoli piceno

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/vnT





logoEV
logoEV