Emozioni all’infinito con la poesia del Festival dell’Appennino

roccafluvione 2' di lettura 19/06/2012 - L’infinito, nella sua duplice ed evocativa accezione naturale e poetica, è stato al centro della IX tappa del Festival dell’Appennino in programma domenica scorsa a cavallo tra i comuni di Montegallo e Roccafluvione.

Appuntamento organizzato in collaborazione col Cai di Ascoli che si è aperto, nella prima mattinata, con l’escursione a piedi che da Abetito (Montegallo) ha condotto oltre 200 partecipanti sino a Gaico, località sita a 700 metri di altitudine nel comune di Roccafluvione. Gli escursionisti, guidati dall’esperto di sentieri montani Tito Ciarma e dal Presidente del CAI sez. di Ascoli Franco Laganà, hanno percorso un tracciato panoramico con vista sul Monte Vettore e sulle tante bellezze dominate dalla catena dei Sibillini.

Dopo oltre due ore di cammino, il gruppo è arrivato alla vetta, cima Pianomonte, quindi, dopo aver ridisceso un tratto assai caratteristico, fiancheggiato da una ricca vegetazione (faggeti), alle ore 13 è giunto a Gaico, accolto dalle note del gruppo Rua della Musica. A salutare l’arrivo degli escursionisti anche il sindaco di Roccafluvione Marcello Formica e l’Assessore alla Cultura della Provincia Andrea Maria Antonini. Dopo un veloce pranzo, la poesia è stata quindi la grande protagonista della seconda parte della giornata svoltasi in un angolo meraviglioso nei pressi della grotta dei Ladri (visitata per l’occasione da moltissime persone) sita a 600 metri dal centro di Gaico.

Al tema dell’infinito, da sempre carico di riferimenti letterari e filosofici, è stata incentrata la presentazione della Rivista d’arte e fatti culturali Ut di San Benedetto. Sul palco, fatto di una grossa pietra levigata, si sono alternati autori e poeti della plaquette rivierasca tra cui Alessandra Morelli, Antonella Roncarolo, Michaela Menestrina Merseburger, Enrica Loggi che hanno letto brani e componimenti tutti dedicati all’infinito. Letture intramezzate dalle note poetiche di Emanuele Feliziani, dai brani musicali del cantautore irlandese Ed Schimt e dalle parole dell’attore teatrale Vincenzo Di Bonaventura che ha salutato i presenti, interpretando una lirica del poeta Dino Campana.

Prima dei saluti, i responsabili della rivista Massimo Consorti e Francesco Del Zompo hanno ricordato come la copertina di questo bimestre sia stata realizzata da uno dei più celebri e bravi illustratori del panorama europeo come Piero Crida, autore, di moltissime opere importanti, tra cui la copertina italiana del capolavoro di J.R.R.Tolkjen “Il Signore degli Anelli”.

“Alla poesia è ispirata questa seconda entusiasmante edizione del Festival – ha ricordato l’Assessore Antonini, prima dei saluti finali – un tema che è fortemente intriso nella storia, nei costumi, negli usi e nelle tradizioni culturali del Piceno che con le sue tante bellezze rappresenta un autentico scrigno d’arte e di storia tutto da scoprire”.

L’assessore ha infine ricordato al folto pubblico l’appuntamento di giovedì 21 giugno a Forca di Presta con la Notte del Solstizio.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 19-06-2012 alle 19:43 sul giornale del 20 giugno 2012 - 690 letture

In questo articolo si parla di poesia, spettacoli, ascoli piceno, provincia di ascoli piceno, festival dell'appennino

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/AA1