UGL attende risposte dall'Inps per la mobilità retribuita ai lavoratori dell'ex Vis.Agro

UGL 2' di lettura 05/06/2013 - Il 20/5/2013 le OO.SS. hanno scritto una precisa lettera al Direttore dell’INPS di Ascoli Piceno sollecitandolo a riconoscere la mobilità retribuita ai lavoratori ex Vis.Agro e comunque chiedendo di essere riconvocati entro il corrente mese di maggio per definire la scottante questione; la urgenza è imposta dalla incertezza che colpisce molti lavoratori che tramite la mobilità potrebbero essere accompagnati alla pensione e rischiano invece di rimanere senza mobilità, senza lavoro e senza pensione.

Il Direttore dell’INPS ci fa sapere che la lettera delle OO.SS. è stata inviata agli organi centrali e regionali dell’INPS e pertanto rimane in attesa di una loro risposta.

Eppure la circolare dell’INPS del 02/03/2012 n. 30, inviata a tutti gli Organi periferici chiarisce, per alcune tipologie di aziende, il computo dell’anzianità aziendale “e ritiene che il criterio in argomento possa essere estensivamente richiamato a tutela dei lavoratori nelle altre ipotesi di crisi aziendale, temporanea e di lunga durata e che quindi trovi applicazione in tutti i casi nei quali per la concessione di CIGS o mobilità sia previsto il computo dell’anzianità aziendale.”

Una fattispecie perfettamente calzante con i lavoratori ex Vis.Agro che vengono pertanto legittimati al riconoscimento della mobilità retribuita.

Sarebbe sufficiente che la Direzione INPS di Ascoli Piceno si attenesse allo spirito ed alla lettera di tale circolare dell’Istituto Centrale, perché i lavoratori ex Vis.Agro vedano riconosciuto il loro diritto ad avere la mobilità retribuita.

Francamente, il voler richiedere a Roma all’INPS nazionale quello che Roma con circolare del 02/03/2012 n. 30 ha demandato agli organi periferici per i competenti atti operativi, sembra un cattivo gioco di rimpalli che rischia di insabbiare la questione penalizzando terribilmente ed in maniera inaccettabile i 74 lavoratori della ex Vis.Agro e le loro famiglie.

La Direzione INPS di Ascoli Piceno interpreti bene la circolare di Roma e riconosca correttamente ed immediatamente la mobilità retribuita ai lavoratori ex Vis.Agro.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 05-06-2013 alle 11:48 sul giornale del 06 giugno 2013 - 516 letture

In questo articolo si parla di lavoro, sindacati, ascoli piceno, inps, ugl, vis.agro, mobilità retribuita

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/NPM





logoEV