Iscritta nel registro degli indagati la donna che provocò l'incidente sull'Ascoli-Mare

palazzo di giustizia ascoli piceno 1' di lettura 10/06/2013 - Una donna di 78 anni, D.P.E., residente a Tortoreto, in provincia di Teramo, che con una manovra azzardata a bordo della sua Fiat Panda ha provocato venerdì scorso l'incidente nel quale è rimasta uccisa Romina Paradisi, una donna pugliese di 35 anni, è stata iscritta nel registro degli indagati del Tribunale di Ascoli Piceno con l'accusa di omicidio colposo.

Intanto, non è stata effettuata alcuna autopsia sul corpo della Paradisi, che è stato restituito ai suoi familiari. Il marito della donna, che si trovava a bordo della moto insieme alla moglie, è ancora ricoverato in prognosi riservata presso l'ospedale Mazzoni.

Al giudice Cinzia Piccioni è stato affidato il compito di condurre le indagini che dovranno definitivamente chiarire la dinamica del tragico incidente, oltre ad accertare l'effettiva idoneità alla guida dell'anziana donna.


di Marco Pettinelli
redazione@vivereascoli.it
 





Questo è un articolo pubblicato il 10-06-2013 alle 14:48 sul giornale del 11 giugno 2013 - 793 letture

In questo articolo si parla di cronaca, incidente, indagini, morte, vivere ascoli, ospedale mazzoni, marco pettinelli, tribunale di ascoli piceno, superstrada ascoli-mare, romina paradisi, registro degli indagati, cinzia piccioni

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/N4G





logoEV