Calcio: Ascoli, saluti amari di Vasco Faisca

4' di lettura 05/08/2013 - Vasco Faisca, difensore portoghese classe 1980 che ha vestito la casacca bianconera dal 2010, è appena approdato in Grecia all'FC Platanias ma ha voluto a modo suo ringraziare la piazza ascolana e togliersi qualche sassolino dalla scarpa.

Nel testo che ha scritto si nota chiaramente la volontà del giocatore di assumersi le proprie colpe per la retrocessione di quest'anno ma anche il desiderio di sfogarsi.

Negli ultimi periodi Vasco Faisca ha diviso molto la tifoseria: c'è chi continuava ad apprezzare il calciatore per via delle prime ottime stagioni in bianconero e chi invece lo ha considerato uno dei principali responsabili della disfatta che ha portato l'Ascoli in Lega Pro.

Pubblichiamo per intero la lettera che il giocatore ha diffuso attraverso Facebook, lasciando ai lettori le proprie conclusioni:

"Ho aspettato tutti questi giorni perché aspettavo l'ufficialità di questa mia nuova avventura. Da un paio di giorni sono ufficialmente un giocatore del FC Platanias, una squadra di serie A Greca. Mi dispiace molto che questo mio saluto coincida con questa maledetta retrocessione... Avevo sognato un'altro saluto... Però questa è la vita, non sempre succede quello che avevamo sognato...
Però dopo ci si rialza e si continua a sognare e a lottare per il nostro sogno... Ed è quello che farò in Grecia, continuerò il mio sogno, che è fare il calciatore professionista. Sarà dura lasciare l'Italia, la mia seconda patria, però sono i sacrifici che bisogna fare per inseguire un sogno, così come avevo fatto a 19 anni quando ho lasciato il mio Portogallo per venire lì in Italia...
Non mi è mai piaciuto trovare alibi per giustificare i miei fallimenti... e per questo mi prendo le mie responsabilità sapendo che ho reso molto al di sotto delle mie potenzialità... però un giocatore soltanto non giustifica la retrocessione di una squadra, penso che in generale tutta la squadra ha reso al di sotto delle proprie capacità. I motivi sono tanti, e le responsabilità vanno divise non scaricate soltanto da una parte... Perché io e i miei compagni ci prendiamo le nostre responsabilità e ci mancherebbe altro!! Abbiamo sempre messo la faccia e mai scaricato le colpe su gli altri come qualcun'altro ha fatto per giustificare i propri errori...
Credo che in ogni struttura, sia nel campo dello sport, sia nel campo aziendale i leader abbiano un ruolo fondamentale, e di conseguenza grandi responsabilità, nel bene e nel male. E così come abbiamo fatto noi giocatori in qualche intervista e come sto facendo io ora, assumendomi le mie responsabilità, mi sarei aspettato anche da chi ci ha guidato: dalla società all'allenatore, anche un assumersi le proprie responsabilità mettendoci tutti quanti per lo meno, allo stesso livello sui piatti della bilancia... Purtroppo questo non è accaduto, e non è stata una sorpresa per me, è stata solo la continuazione di quella che è stata una stagione gestita a livello amatoriale...
Voglio sottolineare che io le mie responsabilità me le prendo tutte, e mi metto davanti a tutti i miei compagni, però credo che bisogna essere giusti nella vita, nel bene e nel male. Nessuno vince niente da solo, come nessuno fallisce un'obiettivo da solo, ancor di più nel mondo del calcio...
Mi fermo qui, ci sarebbe tanto da dire, ma preferisco già guardare avanti con uno sguardo ottimista e vincente per me ma anche per L'Ascoli Calcio!! Che sia ben chiaro, io tiferò sempre Ascoli!!! Mi avete fatto vivere tante emozione!! Ma sopratutto mi avete fatto vivere a me e alla mia famiglia tre bellissimi anni nella vostra bellissima città!! Grazie a tutti, all'Ascoli Calcio, ai suoi tifosi e a tutta la gente di Ascoli, ma soprattutto a tutti i compagni, allenatori, dirigenti, staff medico e magazzinieri con cui ho avuto la possibilità di lavorare in questi 3 anni!!
Un grandissimo in bocca al lupo per l'Ascoli Calcio, spero di vedervi al più presto nei palchi che meritate!!
Un abbraccio ai tifosi bianconeri e a tutta la bellissima Ascoli Piceno!!
Forca Picchio!! Ascoli nel cuore!!
Grazie e a presto!!
"



di Rocco Bellesi
redazione@vivereascoli.it
 





Questo è un articolo pubblicato il 05-08-2013 alle 20:38 sul giornale del 06 agosto 2013 - 1313 letture

In questo articolo si parla di sport, calcio, ascoli piceno, ascoli, ascoli calcio, lega pro, saluti, rocco bellesi, retrocessione, faisca

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/QlZ