Monitoraggio attività di vigilanza 2013: nell'ascolano 46 aziende irregolari su 53 ispezionate

Cgil Cisl Uil 3' di lettura 01/03/2014 - Il Dipartimento Sicurezza sul Lavoro di CGIL CISL UIL di Ascoli Piceno ha analizzato i dati sul Monitoraggio dell’Attività di vigilanza relativi all’anno 2013 forniti dal Ministero del Lavoro che risultano essere:

MINISTERO DEL LAVORO – MLPS - ANNO 2013 – DATI NAZIONALI
Aziende Ispezionate 139.624
Aziende Irregolari 73.514
Lavoratori Irregolari 115.919
Lavoratori in nero 44.652
Recupero contributi premi evasi €.90.982.451,00

INPS NAZIONALE ANNO 2013
Aziende Ispezionate 71.821
Aziende Irregolari 58.048
Lavoratori Irregolari 53.009
Lavoratori in nero 33.490
Recupero contributi premi evasi €.1.240.953.187,00

INAIL NAZIONALE ANNO 2013
Aziende Ispezionate 23.677
Aziende Irregolari 20.752
Lavoratori Irregolari 70.092
Lavoratori in nero 7.893
Recupero contributi premi evasi €.89.936.474,00

Il dato nazionale dei controlli effettuati da i tre enti evidenzia che il 64,78% tra le aziende ispezionate è risultato irregolare; analogamente risulta il 36,03% dei lavoratori in nero sui lavoratori irregolari.

Lo stesso Dipartimento ha analizzato i dati INAIL dell’attività di vigilanza della Regione Marche che risultano essere i seguenti:

SINTESI RISULTATI ATTIVITÀ VIGILANZA INAIL ANNO 2013

ASCOLI PICENO
Aziende Ispezionate 53
Aziende Irregolari 46
Lavoratori Irregolari 62
Lavoratori in nero 21

FERMO
Aziende Ispezionate 53
Aziende Irregolari 42
Lavoratori Irregolari 27
Lavoratori in nero 28

MARCHE
Aziende Ispezionate 760
Aziende Irregolari 652
Lavoratori Irregolari 2.023
Lavoratori in nero 238

PREMI ASSICURATIVI EVASI E ACCERTATI – MARCHE: €.1.679.818=

Tutti i dati sono in V.A. Fonte utilizzata Ministero del Lavoro e INAIL

Ad avviso del Dipartimento Sicurezza sul Lavoro di CGIL CISL UIL di Ascoli Piceno questi dati sono estremamente importanti per eliminare gli effetti discorsivi sul mercato del lavoro specie in un momento di crisi come quella attuale dove per ridurre i costi spesso si utilizzano forme di lavoro irregolare e/8° al nero con la conseguente evasione contributiva.

È altresì importante evidenziare come questi fenomeni siano sempre più presenti nelle nuove attività rispetto a quelle tradizionali. Così come è importante attuare forme di intervento preventive con l’incrocio dei dati attraverso le banche dei tre istituti al fine di evitare duplicazioni di interventi.

Circa le attività sul rispetto degli obblighi sulla sicurezza sul lavoro (Decreto legislativo n.81/2008 e smi) risultano particolarmente importanti le azioni di vigilanza sia sul corretto utilizzo delle norme, sia sulle attività di prevenzione al fine di ridurre la piaga degli infortuni sul lavoro.

A questo proposito il Dipartimento sottolinea l’esigenza di una maggiore collaborazione tra i diversi enti che si interessano di vigilanza sulla sicurezza sul lavoro.

Risulta anche importante una preventiva azione sul rispetto delle disposizioni infortunistiche in materia preventiva al fine di evitare fenomeni di elusione contributiva (errato inquadramento INAIL e conseguente rischio assicurativo).

Maggiori accertamenti dovranno essere effettuati verso i nuovi rischi e verso i settori della nostra regione che presentano maggiori indici di frequenza e gravità.

Positiva infine viene valutata l’azione di vigilanza INAIL nella regione Marche e i dati sull’andamento dei controlli nelle provincie di Ascoli Piceno e Fermo. Ascoli Piceno


da Dipartimento Sicurezza Cgil Cisl Uil di Ascoli Piceno





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 01-03-2014 alle 11:54 sul giornale del 03 marzo 2014 - 677 letture

In questo articolo si parla di lavoro, cgil cisl uil, Dipartimento di sicurezza Cgil Cisl Uil di Ascoli Piceno

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/Zg8





logoEV
logoEV