Calcio: Ascoli. E se il Picchio in Europa League fosse una premonizione?

1' di lettura 14/03/2014 - Sognare non costa nulla e fa vivere meglio. L'importante è non eccedere, troppo alto è il rischio di perdere il senso della realtà e di trovarsi in una dimensione intangibile.

Sempre avversi alle pay-tv e ai 'tifosi da poltrona', gli ultras bianconeri combattono ogni domenica contro questo tipo di calcio. Fatto sta che qualche sostenitore ascolano si è imbattuto in televisione nel match di Europa League tra Porto e Napoli. Durante la presentazione delle formazioni come per magia, il logo dell'Ascoli Calcio 1898 è stato accostato alla squadra portoghese.

A qualche tifoso del Picchio è uscito un sorriso mentre altri hanno approfittato dell'errore per confermare le proprie, negative, opinioni nei confronti del calcio moderno. Certo è che in tutti i telespettatori ascolani si è innescato un processo che li ha spinti ad immaginare il Picchio in una competizione del genere.

Tornare a solcare campi di gioco europei, inutile a dirlo, piacerebbe a tutti noi. Sappiamo di dover rimanere con i piedi per terra e procedere per gradi, quindi l'obiettivo per il futuro più vicino è quello di ritornare in cadetteria. Il progetto di Bellini è serio e non è semplice frenare la fantasia ma l'esperienza insegna a non illudersi.

Però chissà, magari l'errore è un segno del destino...

"Sogniamo insieme!" (cit.)



Articoli correlati:
- Calcio: Ascoli. 'Io ti sosterrò fino al novantesimo...'
- Calcio: Ascoli. Quel video del rigore di Tripoli che fa tanto ‘Diabolici’…


di Rocco Bellesi
redazione@vivereascoli.it
 







Questo è un editoriale pubblicato il 14-03-2014 alle 12:27 sul giornale del 15 marzo 2014 - 3848 letture

In questo articolo si parla di sport, editoriale, ascoli calcio, rocco bellesi, ascoli calcio 1898

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/ZUF





logoEV
logoEV