Usb: sciopero dei lavoratori delle pulizie delle scuole. Quaglietti: 'Mantenere attuali livelli e reinternalizzare servizio allo Stato'

pulizia nelle scuole 1' di lettura 16/03/2014 - L'Usb ha proclamato per venerdi 21 marzo uno sciopero nazionale dei lavoratori delle pulizie delle scuole, per protestare contro i tagli anche del 70% agli orari settimanali di lavoro, conseguenti alle ultime gare d'appalto centralizzate nel comparto.

Nella stessa giornata si terrà una grande manifestazione a Roma. Lo annuncia Andrea Quaglietti, segretario regionale Marche del sindacato di base. Nelle Marche e in particolare nell'ascolano la questione è molto sentita, anche per gli effetti pesanti sugli addetti del settore che le scelte potranno comportare. Tanto che il consiglio provinciale di Ascoli ha votato all'unanimità una mozione per sollecitare il Governo a intervenire sul tema.

"Si arriverà a turni di 9-12 ore settimanali - dice Quaglietti - con stipendi da fame per le lavoratrici delle cooperative che operano nel settore, e con una drammatica perdita del loro potere d'acquisto, oltre che un calo del servizio e della sicurezza negli istituti. Insieme al consiglio provinciale chiediamo adesso almeno il mantenimento dei livelli attuali - prosegue il segretario Usb - e come obiettivo generale quello di reinternalizzare allo Stato il servizio stesso, con fondi che ci sono. I tagli non vanno più fatti sulla pelle dei lavoratori, ma la dove esistono sprechi e gigantesche speculiazioni ."

L'Usb organizzerà un pulmann per tutti quelli che vorranno partecipare alla manifestazione di Roma del 21 marzo. info 3494103507- tel.0736256243






Questo è un articolo pubblicato il 16-03-2014 alle 15:18 sul giornale del 17 marzo 2014 - 681 letture

In questo articolo si parla di scuola, attualità, pulizia, USB Marche, pulizia nelle scuole

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/ZYV





logoEV
logoEV