Prestito d’onore regionale, Di Micco: ‘Giovani ascolani non lasciatevi sfuggire questa occasione’

4' di lettura 29/03/2014 - ‘Prestito d’onore: nuove opportunità per i giovani’. Scade il 31 dicembre 2014 il termine massimo per poter presentare la domanda di ammissione al prestito d’onore regionale.

Un’opportunità da non perdere, ma per la quale inizialmente, almeno secondo i dati, poche sono risultate essere le domande pervenute dal Piceno.

‘Un’occasione – dice Massimiliano Di Miccoche a mio avviso i giovani del nostro territorio non devono lasciarsi sfuggire, soprattutto di questi tempi. Allora rivolgo un appello a tutti i potenziali destinatari affinché approfittino di questa forma di finanziamento per entrare nel mondo del lavoro. Ancora hanno tempo per poter formulare le loro domande’.

Obiettivo dell'iniziativa è, infatti, quello di favorire l'avvio di nuove imprese (fino ad un massimo di 400 nuove iniziative di microimprese) attraverso la concessione di un finanziamento agevolato da parte della Banca delle Marche S.p.A., da restituire in 6 anni e da utilizzare per far fronte alle spese di costituzione, agli investimenti ed alla gestione della nuova iniziativa economica. Al fine di favorire in maniera più incisiva la fase di ‘start up’ della nuova iniziativa economica il prestito d'onore regionale prevede, oltre alla concessione del predetto finanziamento, l'erogazione di servizi gratuiti ed obbligatori di accompagnamento personalizzato (tutoraggio) nei primi 12 mesi di attività.

‘Benché – continua Di Micco - possono accedere all'iniziativa le donne e gli uomini che, alla data di presentazione della domanda di ammissione, abbiamo un'età compresa fra i 18 ed i 60 anni, il mio invito è rivolto, ripeto, soprattutto ai giovani la cui potenzialità sono sicuramente maggiori. Oggi, purtroppo, il lavoro non c’è o comunque difficilmente si trova e questa potrebbe rappresentare un’occasione da non perdere’.

Al prestito d’onore regionale possono accedere solo coloro che sono residenti da almeno 12 mesi nella Regione Marche ed appartengano ad una delle seguenti categorie: disoccupate/i o inoccupate/i ai sensi del D.Lgs. n. 297/2002, lavoratrici e lavoratori sospese/i per cassa integrazione ordinaria (CIGO), straordinaria (CIGS) o in deroga, donne occupate "over 35". L'iniziativa è finalizzata a finanziare le nuove attività d'impresa in forma Individuale, di società di persone e di società cooperativa, quest'ultima composta da un minimo di 3 fino ad un numero massimo di 8 soci, che rientrino nei seguenti settori: produzione di beni, commercio, servizi. Il finanziamento ha la durata di 6 anni e non prevede alcuna spesa (anche le imposte e tasse sono a carico di Banca Marche). Inoltre, al fine di facilitare la fase di avvio della nuova impresa non è richiesto alcun tipo di garanzia. Il prestito d'onore regionale è un servizio di supporto alla creazione di nuove imprese che, oltre al sostegno finanziario, offre anche un insieme di azioni volte a diffondere una cultura imprenditoriale, a stimolare la nascita di idee d'impresa e a favorire la creazione e lo sviluppo di nuove attività di successo.

All'interno dell'iniziativa è pertanto prevista la realizzazione delle seguenti azioni: attività di accompagnamento alla presentazione della domanda di ammissione, che prevede l'informazione e l'orientamento e il supporto alla predisposizione della domanda di ammissione e all'avvio formale dell'attività, servizi di assistenza tecnica ai beneficiari, in fase di start up, che comprende il supporto tecnico per l'avvio e la crescita dell'idea imprenditoriale, la formazione, la consulenza specifica, il network delle nuove imprese, procedure di monitoraggio e di valutazione "in itinere" ed "ex post" delle imprese avviate. Gli importi massimi finanziabili sono: 25.000,00 nel caso di imprese individuali e di società con meno di 3 soci, 50.000,00 nel caso di società con almeno 3 soci. Il finanziamento avrà le seguenti caratteristiche tecniche ed economiche: forma tecnica: prestito chirografario, senza garanzie di alcun tipo, piano di ammortamento: a rata costante (alla "francese"), durata del finanziamento: 6 anni, incluso un periodo di differimento della decorrenza del piano di ammortamento pari ad 1 anno, tasso di interesse annuo nominale (TAN) applicato: nel periodo di differimento (1 anno), tasso fisso pari a 3,20%; nel periodo di ammortamento (5 anni), tasso fisso pari a 3,20%, periodicità della rata: trimestrale, spese istruttoria: non previste, imposte e tasse sul finanziamento: a carico della banca. La domanda di ammissione all'iniziativa ‘Prestito d'Onore regionale’ potrà essere presentata personalmente dal richiedente presso qualsiasi filiale della Banca delle Marche fino al 31dicembre 2014, fermo restando il limite di 400 iniziative economiche finanziate.

I moduli da utilizzare per la presentazione della domanda sono disponibili sul sito internet della Regione Marche www.prestitodonore.marche.it.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 29-03-2014 alle 15:23 sul giornale del 31 marzo 2014 - 868 letture

In questo articolo si parla di lavoro, ascoli piceno, prestito d'onore regionale, massimiliano di micco, lista civica 'per ascoli'

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/1Gz





logoEV
logoEV