Ho bisogno d’aiuto! Giovani, disagio e lavoro: ci pensa il counselor

3' di lettura 23/05/2014 - Oggi più che mai è davvero sottile il confine tra benessere e disagio, lavoro e non-lavoro, ascolto e scontro. Antinomie che trovano in un contesto urbano come quello pescarese uno scenario di facile sedimentazione, rendendo particolarmente vulnerabili le nuove generazioni. Disorientamento, ansia e paura per il futuro: il malessere assume sembianze multiformi e difficili da gestire con gli strumenti tradizionali.

Il counseling rappresenta un approccio orientato al benessere e al potenziamento delle abilità individuali, che trova una felice applicazione soprattutto in ambito professionale. Insistere sulle qualità dell’individuo, piuttosto che appesantirlo con una lunga analisi introspettiva, rappresenta la chiave giusta per un positivo approccio al mondo del lavoro.

Una proposta che ha convinto anche il Comune di Pescara, che aprirà uno sportello di aiuto per i giovani gestito da counselor esperti, provenienti in gran parte dall’Aspic, Associazione per lo sviluppo psicologico dell'individuo e della comunità. Grande successo ha avuto anche il primo corso di microcounseling, un percorso introduttivo di 20 ore organizzato proprio dall'Aspic e finalizzato a individuare, sviluppare e consolidare le competenze relazionali e le abilità di ascolto, utili in tutti i campi della vita e funzionali al benessere.

Il corso, rivolto a tutte le persone che, in ambito lavorativo e personale hanno a che fare con la ‘relazione’, ha riscosso grande attenzione e partecipazione tra i pescaresi, a dimostrazione della ‘trasversalità’ di questo approccio. Al secondo appuntamento di domani (sabato 24 maggio, n.d.r.), in programma presso il Centro Polivalente Britti di San Donato, messo a disposizione dal Comune di Pescara, parteciperanno ben 80 persone. Un numero molto alto, che ha convinto i responsabili a programmare un nuovo ciclo per il mese di ottobre.

A condurre gli incontri, ci saranno i 4 soci fondatori di Aspic Pescara, ovvero Raffaello Caiano, Annapia Cirilli, Federica Angelone ed Emanuela Carlitti. Al loro fianco, i collaboratori del Centro di Ascolto e Orientamento, una struttura interna all’Aspic che si è consolidata negli ultimi mesi, garantendo un primo accompagnamento a coloro che si avvicinano al counseling professionale.

“Seguo tanti ragazzi qui a Pescara – afferma la referente del CAO, Angela Ricci -, giovani che spesso si sentono senza futuro. Un disorientamento diffuso, che rappresenta l’anticamera del disagio vero e proprio”. “Il disagio – spiega la dott.ssa Ricci – trova sfogo anche nelle cosiddette ‘notti violente’ di Pescara Vecchia, spesso al centro della cronaca cittadina. La violenza è una delle espressioni più comuni della rabbia e della frustrazione, e non mi sorprende che questi episodi siano in forte aumento”. “L’obiettivo di queste iniziative – conclude Ricci, sociologa specializzata nelle relazioni d'aiuto – è fornire nuove chiavi per la gestione del rapporto con gli altri, e in tanti anni di esperienza abbiamo verificato come questo porti ottimi riscontri nei settori più impensati della vita, apparentemente molto distanti tra loro. Un esempio? Il lavoro. Sono convinta che soprattutto per un giovane, il primo passo da fare per trovare soddisfazione in campo professionale sia partire da se stessi, migliorare il proprio approccio alla vita. Tutto il resto verrà da sé”.

Da più di 30 anni l’Aspic si occupa di formazione in counseling, un’esperienza che l’ha resa la prima scuola in Italia. Un lavoro testimoniato da centinaia di testi pubblicati sull’argomento e dallo straordinario percorso della struttura nella città di Pescara, dove l’Associazione è attiva ormai da 10 anni.

“Vogliamo investire in tutti coloro che credono realmente nel counseling – aggiunge Raffaello Caiano, psicoterapeuta e Presidente del sodalizio pescarese –, per rendere la cultura dell’accoglienza sempre più diffusa anche nella nostra città”.






Questo è un MESSAGGIO PUBBLICITARIO - ARTICOLO A PAGAMENTO pubblicato il 23-05-2014 alle 18:51 sul giornale del 24 maggio 2014 - 1797 letture

In questo articolo si parla di psicologia, cultura, lavoro, redazione, giovani, violenza, disoccupazione, pescara, counseling, psicoterapia, aspic, consulenza psicologica, Aspic Pescara, Comune di Pescara, vivere pescara, spazioPiù, counseling professionale, angela ricci, raffaello caiano, cao, centro di ascolto e orientamento, cao pescara, annapia cirilli, emanuela carlitti, federica angelone

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/4Kr

Leggi gli altri articoli della rubrica Vivere Lavoro





logoEV