Spinetoli: musica elettronica e visual in una piccola chiesa del '700, continua SALE Festival

3' di lettura 09/06/2014 - Continua con successo SALE Festival, la manifestazione dedicata alle arti ed alla cultura organizzata dalle associazioni che aderiscono al progetto Pangea (7-8 Chili, Babazuf, Blob, Frammenti, Il Formichiere) sostenuto dall'Unione dei Comuni della Vallata del Tronto e dalla Regione Marche.

Dopo FRAMMENTI 2014, la kermesse dedicata al cortometraggio d'autore che si è svolta ad Appignano del Tronto lo scorso 13 aprile, SALE Festival è tornato venerdì 6 giugno con un evento dedicato alla musica elettronica contemporanea. Si è tenuta, infatti, presso la chiesa di San Rocco di Spinetoli, la performance live di Rainer Veil, duo proveniente da Manchester da poco usciti con "New Brutalism", il loro secondo EP per la Modern Love, etichetta inglese ormai protagonista nella ricerca delle sonorità più sperimentali.

L'evento, sotto la direzione artistica di Ugo Mancini e Pierluigi Scarpantonio, ha visto una buona risposta di pubblico, in fattore di presenze ma anche di apprezzamento per uno spettacolo molto coinvolgente e diverso dal solito, sia per la raffinata musica elettronica di Rainer Veil, che bene si sposava con l'interno della chiesa di San Rocco, sia per l'ottimo vj mapping realizzato da Cloro Cloro Cloro e Guido Ballatori, i quali manipolando visivamente le strutture e gli stucchi dell'altare della chiesa, hanno creato un perfetto connubio tra musica e visual, rendendo l'evento ancora più suggestivo. La serata si è poi protratta fino a tardi, accompagnata dai dj set di Mac Geyser e Aliquid anche essi, coerentemente con il tono dell'evento, determinati da sonorità più ricercate ed inusuali.

Una grande soddisfazione, dunque, per tutto il collettivo del progetto Pangea, che ha visto realizzati alcuni degli obiettivi principali del progetto: da una parte quello dell'aggregazione giovanile (e non solo) intorno ad un evento artistico diverso dalle solite proposte, che possa portare ad una crescita culturale nel territorio e ad un interesse per linguaggi artistici al di fuori del consueto; dall'altra il forte incentivo al recupero di una struttura in quasi totale abbandono e il suo riutilizzo come centro culturale e bene da destinare alla comunità. Nel caso specifico, poi, si parla di un vero e proprio bene culturale, una chiesa del XVIII secolo, che grazie ad un'opera di restauro potrebbe realmente diventare un auditorium per concerti o performance teatrali. Le associazioni del collettivo Pangea, inoltre, ringraziano l'amministrazione comunale di Spinetoli per la disponibilità nella realizzazione dell'evento.

Il prossimo appuntamento con SALE Festival è previsto per giovedì 19 giugno, con l'atto finale di SALE Live, contest dedicato agli autori ed alle compagnie teatrali emergenti. Presso il teatro Serpente Aureo di Offida, a partire dalle 21,30, si terrà l'esibizione dei due progetti vincitori del bando (un assolo e una performance di gruppo). Come tutti gli eventi di SALE l'ingresso è rigorosamente gratuito per una altra serata stimolante e suggestiva dedicata alla creatività ed alla ricerca di nuovi linguaggi artistici.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 09-06-2014 alle 17:48 sul giornale del 10 giugno 2014 - 1460 letture

In questo articolo si parla di spettacoli, Spinetoli, SALE festival

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/5wO