Azione shock di CasaPound, accessi al centro 'bloccati' dal nastro rosso. Le foto

2' di lettura 16/09/2014 - Sono stati trovati avvolti dal nastro rosso gli accessi al centro storico di Ascoli Piceno. Una forma di protesta che simboleggia l'inaccessibilità ormai conclamata del centro cittadino per ascolani e turisti.

Un modo per dire “No” alla proposta dell'amministrazione comunale, che vorrebbe estendere l'orario di pagamento delle strisce blu fino alle 21.30 contro le attuali 19.30 .

“E' l'ennesima socializzazione delle perdite sulle spalle di cittadini e turisti – spiega in una nota Fabio Di Nicola, responsabile provinciale di CasaPound Italia – per un centro che è diventato ormai inaccessibile per via del costo dei parcheggi, tra i più cari in Italia e in procinto di una desertificazione commerciale evidente. I negozi chiudono, i posti auto diminuiscono, le fasce orarie aumentano e il cittadino paga. Già a Marzo abbiamo messo in evidenza il problema 'sequestrando' simbolicamente i parchimetri, ma nessuno si è interessato alla questione.”

“E' assurdo che il Comune contragga un debito (che ha superato da tempo i 10 milioni di euro) da un servizio a pagamento – continua Di Nicola - affidato a una multinazionale spagnola. Centrosinistra e centrodestra hanno ratificato degli accordi ai limiti del criminale e in oltre 20 anni non sono riusciti a proporre una soluzione all'annoso problema nonostante le promesse elettorali. Ci hanno consegnato una città dove non esistono più zone con strisce bianche, prezzi dei parcheggi da capogiro e debito astronomico. Non si può pensare che a tutto questo compensi il cittadino di propria tasca. Che paghi chi ha sbagliato, per una volta! Ci opporremo con ogni mezzo ad un nuovo aumento dell'orario di pagamento.”

“Siamo una città ostaggio di una multinazionale – conclude Di Nicola – e del debito nei suoi confronti. E' ora che l'Arengo tiri fuori gli attributi e rescinda il contratto con la Sa.Ba. tornando ad essere padrone a casa propria. Troppo spesso ci si riempie la bocca di parole come 'sovranità' ma non si riesce neanche ad applicarla in una piccola cittadina come la nostra. Da tempo molti commercianti e i lavoratori del centro ci chiedono di scendere in piazza per il tema 'parcheggi' e se non ci saranno riscontri positivi, indiremo una manifestazione per tutelare la loro voce e quella di chi vorrebbe vivere la città e il centro.”

In allegato le foto








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 16-09-2014 alle 10:32 sul giornale del 17 settembre 2014 - 2284 letture

In questo articolo si parla di politica, ascoli piceno, CasaPound Italia Marche, casapound

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/9L0





logoEV
logoEV