Calcio, Ascoli. Perez: "E' stata una vera liberazione correre sotto la curva"

3' di lettura 08/02/2015 - Nel post partita sono stati il Direttore Generale Lovato, Mister Petrone, Perez e Mori a commentare la vittoria dell'Ascoli sulla Spal.

DG Gianni Lovato: "Si stavano verificando tutte situazioni che avrebbero messo in difficoltà chiunque, svantaggio e inferiorità numerica, invece la squadra ha saputo reagire col piglio giusto centrando una vittoria importante. Sono contento per Perez, il gol gli mancava da un po' e il fatto di averlo ritrovato è un ulteriore attestato di stima per lui, stima che da parte nostra non gli è mai mancata".

Mister Petrone: "Nella conferenza di sabato avevo detto che i ragazzi avrebbero dovuto buttare il cuore oltre l'ostacolo, ma parlare oggi solo di cuore credo sia riduttivo; quella con la Spal è una vittoria importante perché abbiamo dimostrato di crederci fino alla fine nonostante l'inferiorità numerica, è un successo che accresce l'autostima e la condizione. Lanni è stato decisivo, Mori è tornato in squadra nella maniera giusta, è un ragazzo che ha grandissime qualità che deve mettere sempre in pratica come ha fatto con la Spal. Ma a fine gara ho voluto ringraziare tutti, Lanni, Dell'Orco, Cinaglia e i ragazzi che non sono scesi in campo perché in questo gruppo non esistono personalismi. Non so come andrà a finire questo campionato, ma so che voglio vedere sempre questo atteggiamento, con questo carattere sono molto fiducioso. Una curva così ha meritato pienamente di gioire con noi per l'ennesimo risultato positivo. E questa vittoria è da dedicare ai nostri tifosi".

Leo Perez: "Dedico il gol a tutto il gruppo e ai tifosi, che mi hanno sempre sostenuto senza mai dire una parola quando è capitato di sbagliare qualche rete; avevo tanta voglia di tornare al gol, è stata una vera liberazione correre sotto la curva, mi è venuto tutto così d'istinto. Lavoro sempre con grande impegno, do l'anima in ogni allenamento e alla fine il lavoro paga sempre, per l'attaccante è così, a volte capita di toccare una palla e fare gol, mentre altre volte ti impegni tanto, ma la palla non vuole saperne di entrare. Questi sono tre punti importanti, da qui alla fine ogni gara sarà una battaglia e dobbiamo allontanarci il più possibile dalle inseguitrici. Sono contento anche per la rete di Cristian, se segna lui o io è lo stesso, l'importante è che si vinca".

Daniele Mori: "Ho passato un periodo in cui fisicamente non ero al meglio e ora pian piano sto recuperando la condizione. La vittoria è importante perché non è semplice ribaltare il risultato in inferiorità numerica; oltre ad essere una grande squadra con un organico importante, che a gennaio si è rinforzato con uomini di categoria superiore, riusciamo a mettere in campo quella cattiveria e quell'agonismo che ci consentono di fare risultato. Voglio dedicare la vittoria ad Andrea Mengoni, che, nonostante l'infortunio, è venuto in ritiro a caricarci. Sono contento per Cristian Altinier, che sta facendo un buon ruolino di marcia e per Leo Perez, che vive per il gol. Oggi ciascuno di noi ha dato tutto quello che aveva in corpo, soprattutto nella ripresa, quando siamo rientrati in campo con l'atteggiamento di chi dice "Non siamo qui per fare una passeggiata, ma per vincere il campionato". Dobbiamo ancora migliorare, perché prima di reagire dobbiamo sempre prendere uno "schiaffo" dagli avversari e solo dopo riusciamo a dare i "cazzotti".



Foto: pagina Facebook ufficiale Ascoli Picchio.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 08-02-2015 alle 22:26 sul giornale del 09 febbraio 2015 - 1555 letture

In questo articolo si parla di sport, calcio, ascoli, ascoli calcio, ascoli calcio 1898

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/ae7K