Servizi essenziali per i più deboli, l'appello della Consulta Regionale per la Disabilità

1' di lettura 11/02/2015 - In relazione a delle indiscrezioni, non sono positive le notizie che ci giungono riguardo il finanziamento per l’anno 2015 del fondo sociale regionale.

Le voci parlano di un taglio consistente che sarebbe evidentemente insopportabile in una situazione già particolarmente difficile.

Ma ciò che più preoccupa è l’assenza di smentite rispetto alle preoccupazioni espresse da più parti, né da parte del presidente né da parte dell’assessore ai servizi sociali.

Chiediamo, pertanto, che con urgenza il presidente Spacca rassicuri in merito al mantenimento anche per il 2015 del fondo 2014.

D’altra parte, se si sono date ampie rassicurazioni circa il reintegro dei fondi riguardanti lo sport, siamo certi che ben prima sia stato messo al sicuro il fondo sociale regionale che finanzia servizi essenziali, come quelli rivolti a persone con grave disabilità, minori, anziani, soggetti in condizione di povertà, e molti altri interventi, rivolti alla fasce più deboli della popolazione.

Pare evidente che, se così non fosse, ci si troverebbe in una situazione assolutamente intollerabile e come, componenti della Consulta, siamo pronti ad una pesante protesta, per scongiurare questo ulteriore taglio a risorse sempre più esigue.

Restando in attesa di un rapido ed inequivocabile riscontro, e ad un’eventuale incontro che ci assicuri il mantenimento dell’importo del 2014, si inviano cordiali saluti.


da Consulta Regionale per la Disabilità







Questo è un comunicato stampa pubblicato il 11-02-2015 alle 21:25 sul giornale del 12 febbraio 2015 - 1033 letture

In questo articolo si parla di attualità, disabilità

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/afhu