Secit: proclamato lo stato di agitazione all'impianto di Relluce, a rischio il pagamento del salario in scadenza

2' di lettura 30/11/2015 - Il contenzioso aperto tra l’ASCOLI SERVIZI COMUNALI , l’ATA e la REGIONE sta creando un corto circuito con ricadute negative sui 15 lavoratori in servizio all’impianto di Relluce che rischiano il mancato pagamento del salario di Novembre in scadenza il 10 dicembre e addirittura il pagamento della tredicesima.

In verità la Regione proprietaria dell’impianto di Relluce ha deciso di assegnare la titolarità dell’impianto all’ATA; da qui la opposizione dell’ASCOLI SERVIZI COMUNALI e l’apertura del contenzioso. Un contenzioso Politico/Imprenditoriale che ha avuto immediati riflessi nella sfera contabile in tema di fatturazioni e di pagamento in capo a chi; per cui la ECOIMPIANTI (Società a cui è affidata la gestione dell’impianto di Relluce, in proroga di appalto) non ricevendo le quote finanziarie di servizio, di sua spettanza, non è nella condizione di pagare i suoi 15 dipendenti.

Una situazione surreale; lo specchio di un pantano di polverizzazione di centri decisionali, che rischia di diventare drammatico per i 15 lavoratori dell’impianto di Relluce; gli ultimi con il cerino in mano e che se le cose non modificano immediatamente non avranno pagato il prossimo 10 Dicembre il salario di Novembre, né avranno pagata la tredicesima mensilità.
Le OO.SS. faranno di tutto perché questo non accada; chiediamo che ATA, ASCOLI SERVIZI COMUNALI ed ECO IMPIANTI, ognuno con le proprie responsabilità si attivino da subito per garantire il regolare pagamento della mensilità e della prossima tredicesima ai lavoratori di Relluce.

In maniera tempestiva le OO.SS. hanno, in data odierna, proclamato lo stato di agitazione dei lavoratori nell’impianto di Relluce ed hanno chiesto al Prefetto una urgente convocazione di tutte le parti perché “ al di là delle pastoie burocratiche/politiche, vengano assolutamente garantiti ai 15 lavoratori di Relluce il pagamento della mensilità di novembre e della tredicesima”.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 30-11-2015 alle 18:58 sul giornale del 01 dicembre 2015 - 1989 letture

In questo articolo si parla di attualità, ugl

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/aq7t