L'Ugl torna sulla questione Stella Maris

ugl generico 1' di lettura 06/05/2016 - E’ una partita a scacchi quella in corso sulla Stella Maris; i tempi sono brevissimi e contingentati. Il Giudice Delegato deve dare via libera alla proposta, il gruppo imprenditoriale esterno deve iniettare liquidità per 800 mila euro e la Stella Maris deve pagare una mensilità e mezzo ai lavoratori.

Il tutto deve avvenire entro il 13 maggio; ma già lunedi 9 maggio sarà necessario avere certezze che la liquidità aggiuntiva è stata versata nelle casse della Stella Maris, dal Gruppo Privato interessato ad acquisire la Casa di Cura.

L’attuazione di questo crono-programma dispiegherebbe il nuovo positivo scenario; un suo impaludamento ci ricondurrebbe drammaticamente allo scenario precedente. La UGL mantiene il pensiero positivo sulla proposta; i lavoratori avrebbero un pò di ossigeno economico e verrebbe governata la tenuta complessiva dell’occupazione e dell’offerta sanitaria sul territorio; ma comprendiamo anche le giustissime rimostranze dei lavoratori che dopo sei mensilità e mezzo non pagate ritengono di aver superato ogni limite di pazienza. Ma dobbiamo usare la razionalità: impegnarci per gli obiettivi positivi di consolidamento del lavoro e della occupazione.

La prima mossa sarà del Giudice Delegato con la scelta sulla autorizzazione, probabilmente entro oggi; poi, tra domani e lunedì dovrà essere la liquidità ad entrare nelle casse della Stella Maris, per pagare i lavoratori e consentire la ordinaria amministrazione. Saranno giorni febbrili; la UGL non da nulla assolutamente per scontato. Per ora lo sciopero di martedi 10-05 non viene sospeso.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 06-05-2016 alle 01:08 sul giornale del 06 maggio 2016 - 818 letture

In questo articolo si parla di attualità, ugl

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/awCs