Il Borgo di Cocoscia "tornerà a vivere", un segnale di speranza nel post terremoto

1' di lettura 23/02/2018 - Si è conclusa stamane la gara per la gestione dei beni immobili di proprietà della Provincia di Ascoli Piceno e del Comune di Acquasanta Terme situati in località Cocoscia. Nei prossimi 20 anni dietro corresponsione di un canone annuo la ditta Rinascimento S.r.l., aggiudicataria della gara, gestirà la struttura per uso turistico e ricettivo.

L'impresa si impegnerà anche ad eseguire, per un importo di circa 200 mila euro, i lavori necessari al ripristino dell'agibilità di quelle porzioni di strutture danneggiate dal sisma del 2016.

Il borgo di Cocoscia, che si estende per circa 1.000 mq e comprende anche una coorte esterna adibita a parcheggio, è stato acquistato nel 2006 da Provincia e Comune di Acquasanta. Nel 2009 sono stati ultimati dei lavori di ristrutturazione di questo splendido complesso che, negli anni precedenti, non si era riusciti ad aggiudicare in gestione essendo la gara proposta andata deserta.

"Finalmente a distanza di 9 anni si è riusciti oggi a conseguire questo importante traguardo a cui si è lavorato in sinergia con grande impegno - sottolineano il Presidente della Provincia Paolo D'Erasmo e il Sindaco di Acquasanta Terme Sante Stangoni - si tratta di un segnale positivo e di speranza nel difficile processo di ricostruzione e scenario post terremoto che evidenzia che ci sono imprenditori che vogliono investire in un territorio che può essere rilanciato e che ha molteplici potenzialità in termini di risorse turistiche, culturali, ambientali e paesaggistiche".






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 23-02-2018 alle 19:02 sul giornale del 24 febbraio 2018 - 283 letture

In questo articolo si parla di attualità, ascoli piceno, provincia di ascoli piceno

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aRZn





logoEV