Arquata del Tronto: “Salaria Parchi”, un intinerario turistico attraverso quttro regioni

20/01/2019 - Dobbiamo trasformare la grande ferita del terremoto in una feritoia da cui intravedere e costruire la rinascita e la valorizzazione unitaria dei nostri territori. Con queste parole Armando Nanni, presidente della Associazione ”Laga Insieme Onlus” e promotore, insieme ad Adriana Pierini, del progetto “Appennino Solidale”, realizzato con la collaborazione della Associazione “,e quindi il monte”, ha dato l’avvio all’incontro che si è tenuto lunedì 14 gennaio u.s. presso la sede provvisoria del Comune di Arquata del Tronto.

Obiettivo dell’iniziativa è la realizzazione di un itinerario turistico-naturalistico denominato “Salaria Parchi”, attraverso 9 Comuni (Montefortino, Montemonaco, Montegallo, Arquata del Tronto, Norcia, Accumoli, Amatrice, Campotosto e Capitignano), 4 Regioni (Marche, Umbria, Lazio, Abruzzo) e 2 Parchi Nazionali (Gran Sasso-Monti della Laga e Monti Sibillini). Con questi ultimi il 15 settembre scorso, a Recanati, nel corso del convegno “Le magnifiche terre di Centro: salvare la memoria tra distruzione e rinascita”, era stato presentato il progetto in questione e ufficializzato il protocollo di intesa che impegna i due Parchi a sostenere forme di collaborazione e progetti di tutela del patrimonio materiale e immateriale dei rispettivi territori.

L’incontro di Arquata del Tronto ha rappresentato un ulteriore passo in avanti in questa direzione, con la presentazione di un accordo di collaborazione e di rete tra i 9 Comuni attraversati dal Cammino “Salaria Parchi”. La riunione ha visto la partecipazione di gran parte dei Comuni interessati, tra cui il sindaco di Arquata del Tronto Aleandro Petrucci, dei rappresentanti delle Regioni Marche, Lazio e Abruzzo e del Parco Gran Sasso-Monti della Laga rappresentato dal Vice Presidente Maurizio Pelosi nonché Sindaco del Comune di Capitignano; numerose sono state le presenze di guide escursionistiche, di tour operator, come Luigi Settembretti (responsabile organizzativo della Borsa del Turismo del Centro Italia – MULA), di rappresentanti delle comunità e di esperti, tra i quali Paolo Piacentini, presidente della FederTrek, che ha ribadito le caratteristiche del nuovo turismo nelle terre del sisma: queste non hanno bisogno di un turismo di massa o da pullman, ma di viaggiatori lenti e attenti al territorio, che devono sentirsi accolti e quasi “avvolti” dalle comunità che li ospitano. Insomma un turismo di comunità, di incontri e di esperienze, un turismo accogliente e sorridente, come ha ricordato la rappresentante della Regione Lazio, dott.ssa Flaminia Santarelli.

Anche se permangono, a detta di molti, grosse difficoltà e problemi irrisolti nelle comunicazioni stradali e nelle strutture ricettive, tutti i presenti hanno sostenuto il progetto “Salaria Parchi” sia per i suoi obiettivi di fondo, sia per le sue proposte operative e immediatamente spendibili nella prossima stagione estiva. A tale proposito, i promotori del progetto hanno illustrato il calendario di incontri di lavoro che sin dai prossimi giorni si terranno nei Comuni interessati al Cammino e coinvolgeranno le guide escursionistiche, le associazioni, le strutture, le aziende, gli allevatori, gli amministratori e i tour operator.


Adriana Pierini
Armando Nanni

Associazione “Laga Insieme Onlus”

Paolo Coppari
Associazione “,e quindi il monte”








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 20-01-2019 alle 18:04 sul giornale del 21 gennaio 2019 - 507 letture

In questo articolo si parla di attualità, Arquata del Tronto, Salaria Parchi

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/a3sq





logoEV