Terremoto, Brignone (Possibile): Ricostruzione è inesistente, basta parole ipocrite

Beatrice Brignone 1' di lettura 24/08/2019 - "La ricostruzione non è ferma. È inesistente. In questi tre anni di visite, di progetti e di incontri, di niente ho visto piene decine di occhi. Di fronte al niente.

Di fronte a parole e promesse più leggere del vento. Di fronte a un paesaggio irriconoscibile. Ora ci sono le Soluzioni abitative di emergenza dove prima c’era un campo, ci sono i negozi in una struttura lontana, ci sono gli uffici e le banche ancora nei container. Ci sono tante famiglie che non hanno fatto ritorno. Tante che non ce l’hanno fatta. Tante che dal niente sono state inghiottite". Lo dichiara la segretaria di Possibile, Beatrice Brignone, parlando della situazione nelle aree colpite dal terremoto tre anni fa.

"Sono 140 i Comuni colpiti dal sisma e sono 140 sono i terremoti - aggiunge Brignone - ciascuno con le sue caratteristiche e le sue criticità. Ma accomunati tutti dal niente di un’inesistente ricostruzione. Meglio risparmiare le chiacchiere di chi non sa neanche quello che dice, la retorica di chi domani si sarà già dimenticato, la strumentalizzazione su 'ai-terremotati-chi-ci-pensa'. Facciamo che domani vi dimenticate tutti di queste terre esattamente come fate durante il resto dell’anno. È più dignitoso. È più rispettoso. Meglio un colpevole silenzio, delle ipocrite parole".






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 24-08-2019 alle 17:05 sul giornale del 26 agosto 2019 - 192 letture

In questo articolo si parla di politica, beatrice brignone

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/a0Yc





logoEV