Bike Marche, un nuovo disciplinare che regola l’adesione delle strutture e dei servizi alla piattaforma

bike marche 4' di lettura 18/02/2020 - I riscontri positivi ricevuti in tutte le manifestazioni fieristiche e la visibilità mediatica stanno dando il segnale preciso di una crescita esponenziale del cluster Marche Outdoor e del segmento turistico legato al Bike Marche. Un feed back molto positivo che si osserva anche nelle prenotazioni per la stagione primaverile ed estiva.

E’ di martedì mattina la decisione della giunta regionale, riunita in seduta straordinaria, di adeguare alla accresciuta domanda di vacanze per bikers, il disciplinare che regolamenta l’adesione da parte delle strutture recettive chiamate Bike Hotels e dei servizi al Network di prodotto “Bike Marche”.

“E’ il frutto di un costante confronto con gli operatori, gli imprenditori, gli esercenti – spiega l’assessore regionale al Turismo-Cultura, Moreno Pieroni – nonché di analisi applicative dei servizi sul territorio che ci ha indotto ad adattare a nuove esigenze i disciplinari e rendere così più fruibili e più attrattivi per i bikers sia le strutture recettive che tutti i servizi , dai ristoranti ai negozi specializzati, alle guide turistiche.”

Il Network Bike Marche è nato con lo scopo di selezionare e supportare un numero definito di strutture ricettive e di accoglienza (alberghi, albergo diffuso, agriturismi con alloggi, case vacanza, country house, residenze d’epoca alberghiere ed extra alberghiere, affittacamere, b&b, rifugi, ostelli, campeggi e villaggi turistici) della ristorazione , di negozi e centri di assistenza specializzati, di guide, accompagnatori e maestri in varie discipline bike, di tour operator ,quindi di tutti i servizi connessi creando una partecipazione compatta ed unitaria, che abbia come oggetto principale un’offerta caratterizzata da standard qualitativi elevati e ad un prezzo garantito. Il nuovo disciplinare prevede una serie di requisiti obbligatori e aggiuntivi per ogni tipologia di soggetto: le strutture recettive, i negozi e centri di assistenza specializzati,le scuole bike e accompagnatori cicloturistici, Tour Operator, Trasporti ( Bike shuttle, bus, taxi con carrello ecc.); Ristoranti e agriturismi; Aziende agricole; Attività artigianali, Attività culturali.

In particolare il Network Bike Marche per le strutture recettive che saranno a tutti gli effetti dei Bike Hotels riconoscibili da un logo, consiste nell’offerta di pernottamento in strutture che offrano servizi garantiti e fondamentali per il cicloturista. Numerosi i requisiti obbligatori: si va, tra gli altri, dalla durata dell’apertura ( 5 mesi per gli esercizi stagionali e 10 mesi per quelli annuali) alla disponibilità di personale che conosca l’inglese, alla colazione con prodotti tipici e specifici per i cicloturisti, preparazione di merende, lavanderie per gli indumenti tecnici, luoghi adibiti al lavaggio, custodia e assistenza delle biciclette, disponibilità di ricarica per le bici elettriche, convenzioni con studi medici, fino alla informazione dettagliata sui percorsi e sulle attrattive dei luoghi.

“Con questo atto – conclude Pieroni – diamo concretezza alla volontà di creare un valore aggiunto all’offerta ricettiva turistica, un prodotto che si distingua per la propria specificità tenendo ben presenti le esigenze di mercato e cercando di sviluppare servizi di qualità sul territorio. Altra cosa fondamentale: vogliamo creare una rete di supporto alle strutture ricettive e ai fornitori di servizi complementari convinti che ciò sia necessario ad incrementare il livello di occupazione durante tutto l’anno, creando un’offerta adeguata alla domanda. Infine e non ultimo, l’obiettivo è anche rendere le strutture ricettive e i servizi aderenti più visibili al turista rispetto a i concorrenti non iscritti al Network Bike.”

La Regione Marche per chi aderirà con i requisiti richiesti al network si fa carico di introdurre nel mercato il prodotto creato; attuare azioni promozionali volte ad inserire il prodotto con le relative proposte nel mercato di riferimento; divulgare i prodotti del Network bike tramite brochures ed altri materiali promozionali nelle fiere, press educational tour; la creazione di un sito dedicato al prodotto Bike nelle Marche, che unisca tutti i servizi di qualità del territorio regionale dedicati ai clienti bike, tenendo conto dei vari segmenti cui si rivolge: al suo interno sezione dedicata alle strutture e servizi aderenti al Network bike con le relative proposte eccellenti.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 18-02-2020 alle 16:59 sul giornale del 19 febbraio 2020 - 902 letture

In questo articolo si parla di attualità, regione marche, marche, bike marche, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bgrz





logoEV