Ancona: rubavano il bancomat agli anziani, banda di ladri arrestata dai carabinieri

2' di lettura 03/12/2020 - "Scusi, le sono caduti i soldi": fingevano di essere gentili con le loro vittime, spesso anziani, per poter rubare loro le tessere bancomat e ritirare poi migliaia di euro. Arrestati dai carabinieri due uomini e una donna, tutti di nazionalità rumena

I Carabinieri della Compagnia di Ancona hanno arrestato una banda composta da due uomini di 34 e 28 anni e una donna di 39 di nazionalità rumena, dedita al furto di tessere bancomat che agiva principalmente nel centro Italia, spostandosi tra il capoluogo dorico e Roma. I malviventi erano specializzati nel raggirare le persone anziane con il trucco della "banconota caduta a terra".

Il modus operandi era sempre lo stesso: prima carpivano il codice della carta della vittima, riprendendolo con un cellulare mentre questa pagava al supermercato o ritirava denaro presso uno sportello bancomat. Poi passavano al furto della tessera. Un componente della banda distraeva l’anziana gettando a terra una banconota da 20 euro e, mentre la invitava a raccoglierla, un complice con destrezza riusciva a sfilarle la carta bancomat dal portafogli. Fatto questo ai malviventi non rimaneva altro che andare a prelevare grosse somme di denaro all’insaputa dei malcapitati. In una circostanza i tre erano riusciti ad intascare circa 17mila euro nel giro di poche ore.

Le indagini dei carabinieri erano partito lo scorso 2 novembre quando una coppia di anziani coniugi anconetani si è presentata alla caserma di via Piave per denunciare una frode informatica: dal loro conto corrente erano spariti oltre 14mila euro. I militari avevano chiesto alla coppia di verificare l’effettivo possesso delle rispettive carte bancomat e, solo allora, la 78enne aveva realizzato di essere stata vittima di un furto. Ed ha quindi raccontato quanto accaduto nei giorni precedenti in un supermercato. I militari hanno così avviato le indagini e ricostruito dettagliatamente le circostanze del furto e dei successivi prelievi, anche attraverso l’acquisizione dei filmati degli esercizi commerciali. Nel frattempo altre due vittime hanno denunciato ai carabinieri di aver subito lo stesso reato in modalità simili.

Grazie agli elementi investigativi raccolti i carabinieri sono riusciti ad individuare la banda, che nel frattempo da Ancona si era spostata a Roma. Nella Capitale i tre sono stati arrestati con l’aiuto dei militari del Nucleo Radiomobile di Roma poco dopo l'ennesimo furto. Sono stati arrestati con l'accusa di furto aggravato, ricettazione e indebito utilizzo di carte di credito. La donna è stata anche trovata in possesso di un documento di identità falso. Nella giornata di mercoledì il gip di Roma ha convalidato i fermi disponendo per i tre la custodia in carcere.






Questo è un articolo pubblicato il 03-12-2020 alle 17:02 sul giornale del 04 dicembre 2020 - 608 letture

In questo articolo si parla di cronaca, carabinieri, marco vitaloni, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bEx4