Fermo: Piccoli Mostri: una vita dedita all'insegnamento

3' di lettura 26/01/2021 - Intervista a Chiara Filippucci

Chiara Filippucci è docente di lingua e cultura francese presso l'Istituto Universitario di Mediazione Linguistica di Perugia.

1. Chi era Sylvie Giovinali?
Sylvie Giovinali era una straordinaria insegnante di lingua e letteratura francese profondamente innamorata della scuola e dei ‘suoi’ ragazzi.

2. Tre aggettivi con cui la descriveresti.
Altruista, umana, gioiosa.

3. Quanto si conosce del suo passato?
Amava trasmettere agli studenti la sua passione più che parlare di sé, dedicando realmente tutta la sua vita all’insegnamento. Non si è sposata e non ha avuto figli ‘naturali’, anche se tutti gli studenti in qualche modo lo sono stati!

4. Quanto era legata alla Scuola Superiore per Mediatori Linguistici di Perugia?
Era legata alla “SUA Scuola Superiore” dalla notte dei tempi. La considerava la sua seconda casa, del resto è stata una delle prime docenti. Il suo legame era molto profondo con studenti e personale della struttura. Tutti aspettavano lo squillante “bonjour” del venerdì mattina in aula 6, la sua aula.

5. Quali erano i suoi interessi?
La Professoressa era amante della natura e dei viaggi. Ricordo uno degli ultimi viaggi più impegnativi: a 80 anni suonati andò in crociera a Dubai. Di questo viaggio porteremo sempre con noi la caffettiera che ci ha regalato. Sapete perché la caffettiera da Dubai? Perché il venerdì alle 10 in punto si prendeva il caffè con la prof e puntualmente offriva caffè e colazione alle segretarie della scuola. La caffettiera è gelosamente custodita nella bacheca dei ricordi presso gli uffici della segreteria di Mediazione Linguistica.

6. Come trascorreva le giornate negli ultimi anni?
Viveva per i suoi studenti e per la lingua francese. Negli ultimi anni trascorreva il tempo aiutando negli studi i figli dei figli dei suoi studenti. Nella sua casa c’era una continua turnazione di ragazzi che andavano a lezione e ai quali offriva sempre la merenda. Da non dimenticare la sua immensa fede e una preghiera per tutti. Trovare libero il suo numero era un vero tern0 al lotto. Tanti la chiamavano per una parola di conforto o perché bisognosi di un sostegno morale.

7. Qual era la sua filosofia di vita?
Aiutare gli altri, in qualsiasi modo e forma. Era solita elargire consigli professionali e non mancava di contribuire alla crescita umana di coloro che le stavano accanto o che hanno avuto la fortuna di incontrarla.

8. Che insegnante è stata per te?
Più che un’insegnante è stata una guida sin dal primo momento in cui ho iniziato la mia formazione accademica; una luce che non mi ha mai abbandonata, neanche dopo la sua scomparsa.

9. Quanto c'è di lei in te?
C’è tutto ciò che è riuscita a trasmettermi come esempio di donna forte e come modello di insegnante che desidera infondere agli studenti la passione per la sua lingua e per la vita.

10. Com’è nata l’idea di dedicarle un libro?
L’idea è venuta da Catia Caponecchi, Direttrice dell’ Istituto Universitario di Mediazione Linguistica, che mi ha proposto di mettere nero su bianco tutti gli appunti presi durante le lezioni della Prof.ssa Giovinali. Tengo a precisare che la Professoressa era ancora in vita e si è dimostrata entusiasta del progetto, dandomi da subito preziosi consigli che naturalmente ho seguito.

11. Perché il titolo “Piccoli mostri”?
Il titolo è stato quasi immediato perché questo era l’appellativo con cui ci chiamava in classe, chiaramente in modo amorevole e affettuoso. Tutti i suoi studenti se lo ricorderanno!

12. C’è un episodio che la riguarda e che vorresti condividere con i lettori?
Più che un episodio è una singolare scoperta che ho fatto poco tempo dopo che è venuta a mancare: siamo nate entrambe il 15 ottobre! Se questo non è destino...


di Michele Peretti
redazione@viverefermo.it







Questo è un articolo pubblicato il 26-01-2021 alle 16:30 sul giornale del 27 gennaio 2021 - 126 letture

In questo articolo si parla di scuola, cultura, università, natura, studenti, viaggi, perugia, memoria, insegnamento, ricordo, francese, mediazione, traduzione, passione, articolo, grammatica, Michele Peretti, interpretariato, espressioni, altruismo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bLdv

Leggi gli altri articoli della rubrica Espressioni