Ascoli Piceno "Città della Carta": approvata la legge in Consiglio regionale, soddisfatta Anna Casini

1' di lettura 23/02/2021 - “In consiglio regionale abbiamo approvato all'unanimità la legge che individua Ascoli Piceno come città della carta.” E’ soddisfatta la Vicecapogruppo del PD in consiglio Regionale Anna Casini dopo l’approvazione della legge in consiglio regionale.

“Il testo presentato ha subito importanti modifiche migliorative in commissione grazie all'impegno del gruppo assembleare Partito Democratico” afferma Casini “in particolare il riconoscimento di Ascoli Piceno è stato possibile grazie alla presenza del museo della Cartiera Papale, e grazie ad un emendamento PD la città di Ascoli Piceno è stata inserita nel titolo della legge. Un atto formale e sostanziale.”

Prosegue la dem “Con questa legge, sarà possibile diffondere la cultura artigianale nella produzione della carta, conservazione dei laboratori artigianali, la costituzione di nuove botteghe artigiane finalizzate all'uso della carta e della filigrana. In particolare sarà creata una rete tematica di tutti i luoghi della cultura e dell’archeologia industriale delle Marche legati alla Carta fatta a mano, alla filigrana e alla tradizione cartaria, da valorizzare mediante la costituzione di un apposito itinerario turistico.”

“La città di Ascoli sarà chiamata a condividere il percorso insieme a Pioraco e Fabriano” auspica Casini “sarà quindi utile creare immediata sinergia istituzionale tra tutti gli attori coinvolti in questo percorso di opportunità per le Marche.”

“Nel percorso di approvazione della legge non abbiamo posto veti né pregiudiziali, né attraverso critiche sterili” conclude Casini “ma appunto collaborando costruttivamente con alcune proposte emendative.”








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 23-02-2021 alle 15:19 sul giornale del 24 febbraio 2021 - 141 letture

In questo articolo si parla di cultura, marche, Assemblea legislativa delle Marche, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bPuP