Industrie Tessili Picene: mancata rotazione lavoratori in CIGO, protesta della UGL che non firma la proroga

1' di lettura 13/04/2021 - Industrie Tessili Picene, 80 dipendenti azienda di abbigliamento/moda, ossigeno produttivo per il marchio Mary Confezioni; da marzo 2020 interessata alla cigo per pandemia covid/19.

L'azienda ha sempre continuato a produrre seppure in maniera ridotta; nonostante l'accordo sottoscritto e le proteste delle OO.SS. non ha attuato alcuna rotazione dei lavoratori in cigo; una parte ha continuato a lavorare una gran parte è stata tenuta arbitrariamente a casa, penalizzando economicamente i lavoratori.

La legge che blocca i licenziamenti scadrà il 30 Giugno, se il Governo non la proroga si apre la strada a terribili procedure di licenziamenti.

Le Industrie Tessili Picene, il marchio di riferimento Mary Confezioni, la galassia della moda/abbigliamento che ruota attorno dovranno ridefinire il loro futuro; riteniamo che il comparto moda/abbigliamento, superata la crisi pandemica, possa riprendersi; previsioni positive si muovono in questa tendenza.

Oggi, però, la UGL è chiamata fronteggiare la mancata rotazione dei lavoratori in cigo e lo sblocco dei licenziamenti al 30 Giugno. C'è in atto un duro contronto con Industrie Tessili Picene che non vuole fare ruotare i lavoratori in fabbrica e considera tutti i lavoratori in cigo in esubero.

La UGL come primo atto ha rifiutato di firmare la proroga cigo covid 19; non possiamo firmare un accordo che prevede la rotazione dei lavoratori e poi vedere disattendere il principio della rotazione; rimane il danno economico gravissimo per il lavoratori e all' orizzonte, al 30 Giugno, ci aspetta un licenziamento di massa dei lavoratori.

Una situazione di grande allarme che suoniamo a tamburro battente alle Istituzioni. Bisogna fermare questa deriva devastante per il nostro tessuto sociale, economico e territoriale.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 13-04-2021 alle 15:38 sul giornale del 14 aprile 2021 - 132 letture

In questo articolo si parla di lavoro, ugl, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bXhn