Calcio, ad Ascoli Piceno la Nazionale Old Italia, di Roma, trionfa al Torneo over 55 - 60

3' di lettura 01/09/2021 - Ad Ascoli Piceno, grande successo della Nazionale Old Italia, la squadra di calcio che, da anni, organizza partite sempre a scopo di beneficenza e/o solidarietà, con giocatori professionisti sempre over 45.

"Dopo i vari incontri di Sanremo, Rieti, Aprilia, e la vittoria al Torneo Pezzana", sottolinea Andrea Mancinetti, Presidente e allenatore di Old Italia, "ancora un successo al Torneo over 55 -60 di Ascoli, dove abbiam vinto nelle partite eliminatorie, 3 a 2 con l'Ascoli, 3 ad 1 col Padova e, infine, di nuovo con l' Ascoli Calcio, ai calci di rigore nella finale, per 4 a 3".

"Son molto contento della prova dei miei", aggiunge il Mister Mancinetti: "grazie anche ai 2 giocatori nuovi, Stefano Rodolfi e Walter Fioravanti, che conoscevo bene, e dai quali mi aspettavo appunto un rafforzamento della squadra. Così è stato: il nostro gruppo, devo dire, migliora sempre piu', e ha trionfato in queste 3 partite; a maggior ragione tenendo presente che alla finale non disponevo di Figurelli, giocatore molto importante al centrocampo, infortunatosi proprio il giorno prima (e che spero sen'zaltro di recuperare per i nuovi incontri di Cesenatico del 10 - 12 settembre)".

"Devo dire però - è lo sfogo del Presidente, e allenatore - che gli altri han provato in tutti i modi a non farci vincere. Alla finale, ad esempio, il loro responsabile m'ha detto che, con solo 8 giocatori, erano veramente in pochi: chiedendomi, allora, di poter prendere i 3 giocatori mancanti dall'altro Ascoli. Io chiaramente ho detto sì: ma poi mi son reso conto che era tutta una finzione, perchè han preso i 4 giocatori piu' forti pur avendo, in panchina, ben 5 già pronti! E' stata davvero una scorrettezza, anche se, poi, abbiam vinto lo stesso, per 4 a 3; ha dato veramente fastidio, però, però, sentire loro, che hanno perso, fare i moralisti dicendo che giocano soprattutto per passione, che in realtà non gli interessa vincere... Specie alla nostra età, le regole vanno rispettate, mantenendo anche lo standard della giusta età dei giocatori: ho deciso, allora, che d'ora in poi andremo a fare solo tornei seri, dove si rispettano veramente le regole stabilite".

"Ad ogni modo - conclude Mancinetti - devo veramente elogiare i miei ragazzi, che son stati grandi: Villani, che ha parato il rigore, e poi Franceschini, Mancini, Marzi, Crocchianti, Di Ianni, Neri, Giagnoli, Fioravanti, Figurelli (al quale auguro davvero una piena, rapida guarigione), Campo, Pezzotti, Tozzi, De Francesco, Rodolfi, Maranzano. Hanno acquistato maggior grinta e personalità,specie giocando una finale che davvero rimarrà nei nostri ricordi. Ora festeggeremo questa vittoria l'8 settembre da Gianni Mutu, nostro caro collega, al suo ristorante, dove è in programma di festeggiare anche la recente vittoria al "Pezzana". E poi ci prepareremo per l'altro Torneo (che ritengo sarà piu' serio) del 10- 12 settembre a Cesenatico".






Questo è un articolo pubblicato il 01-09-2021 alle 07:03 sul giornale del 02 settembre 2021 - 252 letture

In questo articolo si parla di sport, roma, lazio, articolo, Fabrizio Federici

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/cg7o





logoEV
logoEV