USB: "Criticità Ospedali AV5 Reparti Chirurgici, permane a oltranza stato di agitazione"

Unione Sindacale di Base, USB 4' di lettura 09/09/2021 - USB AV5 e USB federazione prov.le Ascoli Piceno denuncia la SITUAZIONE DI CRITICITA' REPARTO DI CHIRURGIA PLESSO DI SAN BENEDETTO DEL TRONTO in particolare e di tutti le UO Chirurgiche nei due Presidi ospedalieri

La scrivente Organizzazione Sindacale USB. nonostante l'incomprensibile atteggiamento di chiusura dimostrato, anche recentemente, da codesta Direzione Generale, interviene per salvaguardare gli interessi dei lavoratori e dell’utenza di questa Area Vasta 5, specificatamente per il reparto di Chirurgia dell’Ospedale di Sbt
Tale unità operativa trasformata in un "coacervo" di specialistiche chirurgiche (ortopedia, chirurgia generale, orl) nonostante le promesse di apertura di un nuovo reparto di Ortopedia a sé stante, conta una presenza media di circa 29 pazienti, con un tasso di ricoveri e dimissioni molto alto. Caratteristica dell’AV5 dato che stesse condizioni vivono i lavoratori e degenti del Presidio di Ascoli nei due reparti chirurgia e ortopedia…visto che il reparto di Urologia è inspiegabilmente chiuso!

La mancanza di personale ha generato e continua inesorabilmente, a procurare una condizione lavorativa inaccettabile. Questa situazione danneggia non solo i lavoratori ma anche i pazienti perché incide negativamente sulla qualità delle prestazioni rese.
Non è possibile che per una media di 11/12 pazienti operati, vi siano solo 2 unità infermieristiche ed una Ausiliaria, che si debbono occupare della raccolta dei parametri vitali, della terapia, nonché di tutte le altre attività preminenti. Da diversi studi si è evidenziato che per ridurre al minimo il rischio clinico e per poter erogare un’assistenza di qualità il parametro infermieri\Pz deve essere di 1 infermiere ogni 6 Pz.

Ancora, La carenza di personale sanitario OSS ed ausiliario rischia di compromettere i normali livelli di assistenza oltre a aumentare il rischio. Le esigue assunzioni di personale effettuate si sono dimostrate insufficienti e la carenza ancora a oggi non è stata colmata. Anche su questo il Direttore ASUR non ha proferito parola e non ha dato risposte! Questa è la realtà dei servizi…il Direttore ASUR puo anche non rispondere ma deve occuparsi e preoccuparsi delle condizioni di lavoro del prpio personale dipendente e delle condizioni che i cittadini e dell’assistenza erogata. La politica deve conoscere e valutare se il Direttore Asur e tutta la Dirigenza Av5 è ancora in grado di gestire e erogare una Sanità pubblica di qualità.
Tutto quanto su esposto sta causando un lento ma inesorabile decadimento della sanità pubblica e della qualità dei servizi erogati.
Ad assicurarli, infatti, ancora oggi è solo lo spirito di sacrificio dei lavoratori, che quotidianamente si impegnano nonostante le discutibili scelte di riorganizzazione aziendale e regionale. Oltre a veder calpestati Diritti economici giuridici, e al non rispetto come lavoratori…come si è palesemente visto nella sede prefettizia di AP.
Queste gravi criticità sì ripercuotono negativamente nel contesto lavorativo: gli operatori sanitari subiscono aggressioni e conseguentemente, denunce per “responsabilità" e deficienze di sistema.

Rappresentiamo come USB da anni e nell’attuale stato di agitazione del personale del comparto sia stato evidenziato, uno dei punti a cui il Direttore ASUR nel tentativo di Conciliazione non ha dato risposta alcuna il problema della “cronica carenza di personale”, con tutti i disagi conseguenti, dall’aumento dei carichi di lavoro al quasi certo aumento del rischio clinico degli infermieri, fino al diritto negato alle ferie.
Queste condizioni inaccettabili si riscontrano in molte se non tutte le UO dei due presidi ospedalieri e in tutta l’AV5
USB con la presente chiede la proroga dei Precari in essere e le assunzioni stabili di infermieri e OSS dalle graduatorie sia concorsuali che di mobilità intra e extra regionale
Per tutto quanto sopra esposto, questa organizzazione sindacale USB
DIFFIDA AI SENSI DELL'ART. 2087 CODICE CIVILE
gli organi in indirizzo, a prendere immediatamente provvedimenti onde evitare gravi condizioni di rischio clinico per i pazienti, gravi compromissioni del benessere psicofisico degli operatori.

Restiamo in attesa di risposte concrete a tale istanza nei tempi previsti dalla legge 241/90 e s.m. e i.
Chiediamo inoltre alla Politica Assessore alla sanita Sindaci di intervenire per quanto di loro competenza






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 09-09-2021 alle 16:03 sul giornale del 10 settembre 2021 - 146 letture

In questo articolo si parla di attualità, USB, Unione sindacale di base, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/ciqO