Da app per i gamer a piattaforma per tutti: l’evoluzione inclusiva di Twitch

4' di lettura 10/03/2022 - Il decennio scorso, ci ha permesso di assistere a una vera e propria rivoluzione dei social, alimentata anche dall’avvento dei contenuti live streaming su Facebook, YouTube, Instagram e TikTok.

Ciascun social network ha, di fatti, dato l’opportunità a diversi content creator (amatoriali e non) di trovare il proprio spazio e di realizzare contenuti vari e diversificati, favorendo nuove community con gusti e obiettivi diversi.

I video in diretta, tuttavia, hanno preso il volo con Twitch, la piattaforma di live streaming interattivo più conosciuta al mondo. Nata da una costola di Justin.tv e acquisita dal gigante dell’e-commerce Amazon nel 2014 per 970 milioni di dollari, Twitch è conosciuta dai più come la piattaforma dei gamer. Ciò era vero soprattutto agli albori di questo servizio streaming, ma Twitch è riuscita a passare in poco tempo da piattaforma di nicchia a nuova frontiera dell’intrattenimento globale.

Come sono cambiati gli utenti di Twitch

Twitch è considerata la piattaforma della Gen Z, tuttavia, nonostante ben il 14% degli utenti Twitch sia formato da adolescenti tra i 13 e 17 anni, la maggior parte ha tra i 18 e i 34 anni. Per capire a fondo l’importanza di Twitch su scala mondiale, e di come Bezos ci avesse visto lungo ben 8 anni fa, basta dare un’occhiata ai dati del traffico internet degli Stati Uniti: con l’1.8% del traffico totale, Twitch si posiziona al quarto posto dietro Google, Netflix e Apple. Questa percentuale rappresenta in gran parte la Gen Z e gli appassionati di gaming, ma Twitch è ormai diventato un microcosmo dove chiunque può creare contenuti live. Arte, musica, sport, cucina o semplicemente “chiacchiere”, sono solo alcuni degli argomenti condivisi dai content creator sui propri canali.

Su Twitch, insomma, c’è posto per tutti. Quindi, chiunque abbia una passione o un talento da condividere, qualcosa da raccontare o mostrare, troverà su Twitch un pubblico ad attenderlo. Ma come mai Twitch ha raggiunto questa grande popolarità? Oltre a non dover preregistrare un video e caricarlo, Twitch offre una qualità delle immagini più nitide e stabili e permette di avere una maggiore visibilità a chi va in live.

Ecco perché molti youtuber sono letteralmente migrati sulla piattaforma di live streaming. Certo, Twitch non permette margini di errore, perché è tutto in diretta, quindi se si sbaglia, si sbaglia. Ma forse è anche questo il fascino di questo servizio, l’adrenalina del live e di poter interagire con i propri follower in diretta, come un presentatore TV.

E tra i settori che cavalcano già da un bel po’ di anni quest’onda del live c’è quello del gioco d’azzardo online. Molti scommettitori, infatti, preferiscono ai giochi di casinò online quelli con live dealer. Questi casinò live permettono di partecipare a sessioni di gioco dal vivo e interagire con un vero croupier in diretta streaming tramite un’apposita chat. Grazie allo streaming, l’esperienza di casinò online e quella di un casinò tradizionale si fondono. E poiché ormai le opzioni di casinò live sono moltissime, piattaforme indipendenti come Casinos.it trovano e recensiscono i migliori casinò live sul mercato italiano, per permettere ai giocatori una scelta più consapevole.

Da semplici content creator a streamer professionali

La nascita di queste nuove piattaforme sta dando vita anche a veri e propri lavori. I sogni e le ambizioni lavorative sono cambiate nel corso degli ultimi anni. Proviamo a chiedere a un bambino o un adolescente odierno cosa vuole fare da grande. Tra le sue risposte troveremo sicuramente “lo youtuber” e “lo streamer su Twitch”. Sebbene queste risposte farebbero accapponare la pelle anche dei genitori più aperti mentalmente, bisogna tener conto che ormai i tempi sono cambiati e diventare uno streamer è del tutto possibile. Secondo un sondaggio globale condotto da Deloitte nel 2020 sui lavoratori Millennial e Gen Z, la maggior parte degli intervistati preferirebbe lavorare in un settore in cui lavoro e passione personale si fondano.

Tramutare un hobby nel proprio lavoro è ciò che hanno fatto diversi giocatori professionisti di e-Sports ad esempio. Molti hanno visto un’opportunità in Twitch prima ancora che venisse acquisito da Amazon. Ma non è necessario essere un’atleta di e-Sports per guadagnare su Twitch. La piattaforma, infatti, ha un interessante giro economico. Gli spettatori possono abbonarsi, fare donazioni ai content creator o collegare il proprio account Prime. Quindi, anche se non dovesse diventare un vero e proprio lavoro, potrebbe essere un buon modo per arrotondare, l’importante è creare contenuti interessanti, in linea con i termini di Twitch e avere un nutrito seguito.






Questo è un articolo pubblicato il 10-03-2022 alle 09:29 sul giornale del 10 marzo 2022 - 29 letture

In questo articolo si parla di attualità, redazione, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/cQYB


logoEV
logoEV