“Un alito di sogno”, la terrazza di Palazzo Panichi ospita il corto con gli attori non vedenti

2' di lettura 13/05/2022 - Una terrazza tra le più suggestive, che affaccia su una delle piazze più belle della città. Una dimora storica a fare da palcoscenico e, al centro dell’evento, l’intenso abbraccio tra teatro, inclusione e archeologia.

“Un alito di sogno - corto teatrale liberamente tratto dalla nostra vita” sarà messo in scena a Palazzo Panichi, sulla terrazza del Museo archeologico statale di Ascoli Piceno, domani, 14 maggio, alle 17.00. Seguirà una visita guidata, a cura della direttrice Sofia Cingolani, alla scoperta della nuova sezione romana del Museo: iniziativa che proietta l’appuntamento nel programma del Grand Tour Musei nelle Marche 2022.

L’evento propone il saggio del laboratorio di teatro dell’Uici di Ascoli Piceno e Fermo (l’Unione italiana ciechi e ipovedenti) ed è promosso insieme al centro ‘Officina dei Sensi’, all’Irifor (l’istituto per la riabilitazione e la ricerca) e con la preziosa collaborazione del Museo archeologico statale.

Il corto vedrà in scena Gianni Capancioni, Ardiola Carkanji, Maria Felicita Gabrielli, Marco Mandolesi e Antonina Pieragostini. Ideazione e regia sono di Cristiana Castelli e Vanessa Dezi.

“Siamo fieri di essere ospiti in questa cornice meravigliosa che ci è messa a disposizione dalla direttrice Sofia Cingolani – commenta Gigliola Chiappini, presidente Uici di Ascoli Piceno e Fermo –. La collaborazione con il Museo archeologico statale, che parte dall’accessibilità per abbracciare attività culturali e artistiche come l’evento di domani, si rivela sempre più una preziosa alleata nel raggiungimento dei nostri obiettivi e per quell’idea di inclusione che è al centro di ogni nostro progetto”.

“L’evento – sottolinea Sofia Cingolani - si inserisce nell’ambito della programmazione del Grand Tour Musei nelle Marche 2022. Incentrato sull’importanza dei musei nella crescita della comunità, è promosso in un momento importante per il Museo di Ascoli Piceno: a pochi giorni dalla riapertura della sezione romana che inaugura una nuova stagione di attività e programmi in cui, grazie alla collaborazione con il centro ‘Officina dei Sensi’ e con la Uici di Ascoli Piceno e Fermo, le parole accessibilità e inclusione giocheranno un ruolo fondamentale”.

“Anime su un palcoscenico – spiegano Cristiana Castelli e Vanessa Dezi - in cerca dei loro sogni, della loro identità, dei loro desideri più profondi, in cerca di se stesse e del significato dell’essere al mondo. I nostri attori sono ipovedenti o non vedenti, ma questo non ha avuto e non ha alcuna rilevanza in ordine all’intensità e alla autenticità del loro impegno sulla scena, che ha valore in sé e che li ha resi protagonisti di un piccolo e delicato lavoro teatrale”.

Per prenotazioni e info: 0736.250133








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 13-05-2022 alle 15:22 sul giornale del 14 maggio 2022 - 126 letture

In questo articolo si parla di attualità, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/c7km





logoEV
logoEV