Con "Inferne" di Guido Mosca la conclusione della rassegna dedicata al vernacolo ascolano

2' di lettura 20/06/2022 - “Un lavoro lungo impegnativo e per certi versi incredibile, ma anche encomiabile” così Giorgio Fiori, nell’introdurre presso il Centro Ada-Bruno Di Odoardo di Pennile di Sotto, l’ennesimo pomeriggio dedicato al vernacolo ascolano, ha definito la traduzione dei 34 canti dell’Inferno di Dante, realizzata dal dott. Guido Mosca, appunto in “lingua” rigorosamente ascolana.

È stato quindi lo stesso autore ad illustrare il suo “Inferne”, ricordando ai numerosi presenti la struttura dei 9 cerchi dell’Inferno dantesco, che in una sorta di imbuto rovesciato raccolgono le anime dannate, a seconda della gravità dei peccati commessi. Dopo aver elencato anche i vari peccati, che si suddividono nei diversi gironi, Mosca ha scelto tra tutti il 5° girone, dedicato ai lussuriosi ed ha raccontato la storia di Paolo e Francesca, le cui anime volano perennemente nella bufera infernale e che lui stesso ha letto nella versione originale, lasciando poi al suo collaboratore, Andrea Flaiani, con cui ha condiviso per tanti anni la passione e l’impegno teatrale, di dare lettura dello stesso canto in lingua ascolana.

È quindi intervenuto Maurizio Cacciatori, ideatore della rassegna “Seme A Ascule”, che per alcune settimane si è svota nel Centro Ada, mettendo in evidenza l’arguzia di Mosca nel riportare le frasi di Dante in lingua ascolana e per far ciò ha preso ad esempio il canto 4° dell’Inferno, dedicato ad Omero, leggendo alcune frasi del dialogo intrattenuto da Dante con l’autore dell’Iliade e Odissea, sia nella versione originale che in quella di Mosca. All’incontro ha altresì preso parte Patrizia Pietracci, membro del consiglio comunale e nel concludere la serata i responsabili del Centro Ada-Di Odoardo, Paola Luzi e Francesco Fabiani, hanno anticipato che le iniziative del sodalizio proseguiranno itineranti nel periodo estivo sul territorio.

IL SEGRETARIO
Giorgio Fiori






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 20-06-2022 alle 17:36 sul giornale del 21 giugno 2022 - 111 letture

In questo articolo si parla di spettacoli, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/db45





logoEV
logoEV