SEI IN > VIVERE ASCOLI > CULTURA
comunicato stampa

Montalto Marche: presentato “Scacco al Guelfo bianco” l’ultimo racconto storico dell'autore Raffaele Tassotti

2' di lettura
54

Pubblicato il nuovo racconto storico di Raffaele Tassotti, Scacco al guelfo bianco, edito in Italia per Palumbi Editore e presentato ieri a Montalto delle Marche.

A un anno dalla sua ultima pubblicazione - la raccolta di racconti storici Le Cronache di Ser Grandonio, - Raffaele Tassotti torna con Scacco al guelfo bianco e questa volta porta i suoi lettori ad indagare su uno strano omicidio perpetrato nel Presidato sistino di inizio ‘600. Con questo nuovo lavoro l’autore completa un ciclo di quattro romanzi storici e una raccolta di racconti in cui riporta alla luce personaggi, vicende e nebbie dall’alto medioevo al secolo dei lumi nell’Italia di mezzo.

Scacco al guelfo bianco mostra uno spaccato della giustizia ai tempi del Presidato sistino, con personaggi di eccezione come Giovanni Ciampoli, amico di Galileo, ed Evangelista Torricelli, matematico e discepolo del grande scienziato toscano. La vicenda -realmente accaduta- si svolge all’inizio del 17esimo sec. e vede protagonista il Governatore del Presidato Mons. Giovanni Ciampoli, alle prese con un singolare caso di omicidio: l’assassinio di un usuraio ebreo, il suo corpo mutilato, gli indizi e l’intuizione del Giudice-Prelato porteranno ad uno scacco matto dall’esito insospettabile.

“La passione per la ricerca storico-archivistica e quella per gli scacchi sono state d’ispirazione per questo nuovo libro” così l’autore. “Mi affascina poter ricostruire le atmosfere passate, senza alterarne l’essenza, ma restando aderenti quanto più possibile alla storia attraverso anche quei piccoli dettagli che possono sembrare di minor rilevanza, dagli abiti agli arredi, dai soprannomi ai toponimi. Come in una partita di scacchi nulla deve essere tralasciato e ogni pezzo è essenziale. È la storia, nei miei scritti, che racconta se stessa e si ingegna a stupire, sorprendere e creare emozioni al lettore che, preso per mano, percorre in secoli diversi, luoghi e vicende e incontra personaggi che hanno lasciato traccia viva del loro passaggio”.

In tutte le sue opere, come in quest’ultimo racconto, l’autore ha esaminato tutto il copioso materiale degli archivi storici e notarile di Montalto, documentandosi altresì in una vasta bibliografia concernente il Piceno e lo Stato della Chiesa.

Il volume è stato presentato al Teatro Comunale di Montalto delle Marche e nei prossimi mesi seguiranno altre occasioni di incontro nel territorio piceno.







Questo è un comunicato stampa pubblicato il 07-12-2023 alle 09:54 sul giornale del 09 dicembre 2023 - 54 letture






qrcode