SEI IN > VIVERE ASCOLI > LAVORO
comunicato stampa

UGL: "Licenziata per aver esternato su Facebook i disagi e i diritti calpestati dei lavoratori"

1' di lettura
146

Una Lavoratrice esprime sul suo profilo Facebook opinioni e critiche sulle difficili condizioni dei Lavoratori sul disagio a veder scalfiti i loro diritti nei posti di lavoro. Nessun riferimento all'Azienda dove lavora, né diretto, né indiretto.

L'Azienda, una Cooperativa, prima contesta una presunta ripercussione diffamatoria poi licenzia la Lavoratrice per “inadempimenti agli obblighi contrattualmente assunti oltre che contrario ai doveri di fedeltà” .

Un licenziamento temerario e scioccante per due motivi:

  1. Un licenziamento su presunzione; non c'era il nome dell'Azienda e la sua ragione sociale.
  2. Un attacco alle libertà fondamentali, costituzionali, di giudizio, di pensiero di ogni lavoratore ad esprimere il disagio nel veder calpestati diritti nei luoghi di lavoro.

Una assurda e preventiva censura oscurantista.

La UGL ritiene fermamente che la Cooperativa ha oltrepassato il limite rosso tra Diritto ed Arbitrio. Guai se passasse la linea di libertà dei licenziamenti Aziendali su una logica di presunzione o per esternazione di disagi lavorativi e di giudizi netti su opprimenti condizioni di lavoro.

Confidiamo che il Giudice dl Lavoro ristabilisca diritto e dignità alla Lavoratrice.



Questo è un comunicato stampa pubblicato il 29-02-2024 alle 16:44 sul giornale del 01 marzo 2024 - 146 letture






qrcode