...

Nel lontano 2004 di fronte all’annunziata deprecabile intenzione di riaprire al traffico Piazza Arringo, Italia Nostra promosse, in collaborazione con le altre Associazione Culturali e di Tutela cittadine, una raccolta di firme per evitare l’adozione di questo provvedimento. In poco tempo furono raccolte oltre 2000 firme che furono inviate al Sindaco e al Vice Sindaco dell’epoca con l’appello a recedere dall’intenzione di riaprire al traffico la piazza.


...

E’ noto che le metropoli, colpite dalla virulenza della pandemia del Coronavirus, hanno dovuto ripensare il loro modello di sviluppo che generalmente concentrava tutti i servizi e le funzioni importanti nel centro della città lasciando in una condizione di sostanziale abbandono le immense periferie condannate alla funzione di anonimi dormitori.



...

La scomparsa di Don Angelo Ciancotti certamente è un grave perdita per la comunità dei fedeli e per tutti coloro che hanno avuto la fortuna di incontrarlo nel proprio percorso di vita.


...

E’ notorio che Ascoli, in attesa che venga realizzato il parco dei corsi d’acqua che circondano la città , è priva sostanzialmente di un’area verde di accettabile estensione capace di soddisfare le esigenze vitali di una comunità che è costretta ad accontentarsi o di piccoli lembi di giardini o semplicemente della incomparabile visione del verde che esalta da una lato il fascino del Monte dell’Ascensione , dall’altro quello del Colle San Marco.


...

Spiace dover constatare che per la rivitalizzazione del Centro Storico di Ascoli, che da tempo giace in una condizione drammatica deprivazione demografica e di ruolo, non si vada oltre la proposta di utilizzazione residenziale degli edifici più pregiati che rappresentano la memoria storica e culturale della città, destinandoli talvolta ai più abbienti, nel caso si tratti di locali dotati spesso di un apparato pittorico di elevato valore, o ai ceti marginali nel caso si tratti di locali meno pregiati.