...

“Il Governo nazionale e quello regionale hanno preferito far quadrare i conti delle poltrone piuttosto che quelli dei terremotati riciclando un trombato nelle ultime regionali in Abruzzo. Il Movimento Cinque Stelle svende al PD il professor Piero Farabollini, tra i pochi ad aver brillato per capacità ed efficacia tra quanti proposti dai grillini. Vergogna delle vergogne, lo ha sacrificato complice il gotha del PD marchigiano, parlamentari e giunta Ceriscioli che, con la vicepresidente Casini, non sa trattenere la gioia per essersi tolti dalle scatole un tecnico che, solamente facendo il proprio lavoro, stava smontando ogni alibi all’incapacità degli uffici regionali della ricostruzione”.



...

“Il PD al Governo ne sta facendo più di Carlo in Francia anche sul terremoto. La Lega presenta un emendamento per sospendere di 6 mesi la nuova ordinanza sul CAS che crea nuovi disagi pretendendo che i terremotati siano anche degli indovini”.


...

“La guerra a colpi di rimpallo di responsabilità sulle macerie del terremoto sta diventando leggendaria come quella di Troia con tanto di cavallo a deciderne le sorti. Come definire altrimenti il ruolo del PD? A che pensava mentre, in tutte le sue espressioni (presidenti di Regione, Anci e perfino sindaci) era motore dei tavoli dove la legge beffa si formulava? La Lega presenterà nuovamente un emendamento da inserire nel DL Proroga Termini, ma poiché il termine per la conversione in legge è la fine di febbraio e non è possibile uno stallo di un ulteriore mese e mezzo, il Governo attui subito un provvedimento di urgenza”.